laRegione
locarno-per-il-casino-la-kursaal-firma-con-un-nuovo-partner
Maggiori garanzie per affitto e contributi a cultura e turismo (Ti-Press)
20.01.22 - 14:47
Aggiornamento : 16:59

Locarno, per il casinò la Kursaal firma con un nuovo partner

Dopo la lunga vertenza con il Gruppo Ace di Zurigo, la società (di cui la Città è la maggiore azionista) passa allo Stadtcasino Baden Group

La società Kursaal Locarno Sa ha siglato nei giorni scorsi un contratto con Stadtcasino Baden Group, che gestisce il Grand Casino di Baden, titolare di una concessione di tipo A, e che fino a pochi mesi fa aveva una partecipazione nel Casinò di Davos. L’accordo riguarda l’affitto, a partire dal 2025, di parte dello stabile della Kursaal. Da parte sua, il gruppo argoviese intende presentare quest’anno al Consiglio Federale una domanda di concessione per la gestione di un Casinò a Locarno. Berna dovrebbe determinarsi sul rinnovo delle concessioni per le case da gioco svizzere già nell’autunno del 2023. L’intento di Kursaal Locarno è quello di trovare un nuovo partner per la gestione della casa da gioco ospitata all’interno dello storico stabile di Largo Zorzi, in vista della scadenza del contratto con l’attuale gestore, il Gruppo Ace, con sede a Zurigo.

È noto infatti che tra l’attuale gestore e Kursaal Locarno è in corso da tempo una vertenza. E la stessa Kursaal Sa, in una nota stampa, spiega: “La decisione assunta unilateralmente da Casinò Locarno di non corrispondere il canone locativo pattuito per gli spazi che occupa e d’interrompere il versamento dei contributi alla Fondazione turismo Lago Maggiore e alla Fondazione cultura nel Locarnese (contributi pattuiti in altrettante convenzioni), ha compromesso il rapporto di fiducia che è indispensabile premessa per stipulare nuovi contratti, tanto più se di lunga durata”.

Kursaal Locarno ritiene di aver ora identificato “un nuovo partner contrattuale, affidabile e serio, con cui affrontare la sfida della procedura di concessione e guardare costruttivamente al futuro”. Ovviamente, il contratto di affitto entrerà in vigore soltanto se Stadtcasino Baden Group otterrà la concessione per operare sulla piazza locarnese, e avrà una durata pari alla concessione stessa.

Va qui ricordato che il 13 dicembre scorso il Consiglio Comunale di Locarno ha accordato il credito di tre milioni di franchi chiesto dal Municipio per acquistare le azioni della Kursaal Sa detenute dall’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli. Con questa operazione strategica, la Città è divenuta azionista di maggioranza della società Kursaal Locarno, garantendosi la possibilità di pianificare a lungo termine e con maggiore autonomia il futuro dell’edificio e della circostante area urbana.

«Sono rimasto colpito molto positivamente dall’approccio del gruppo Stadtcasino Baden, che fin dai primi incontri con noi ha dimostrato un profondo interesse per la regione del Locarnese, che li ha conquistati per la bellezza del territorio e per le sue potenzialità – afferma Alain Scherrer, sindaco di Locarno e vicepresidente della Kursaal –. Un interesse che non si limita quindi a una pura logica di business. Ritengo che questo approccio sia fondamentale per costruire, e soprattutto mantenere nel tempo, un reciproco rapporto solido e duraturo, basato su valori condivisi e sull’amore per la nostra regione».

«Al di là del contratto d’affitto – dichiara Jürg Altorfer, presidente del Cda di Stadtcasino Baden Group – ci impegniamo anche a sostenere finanziariamente due fondazioni di pubblica utilità, ben radicate nel tessuto sociale e da lungo tempo attive nella regione. Una di queste gestisce l’attività teatrale locarnese, mentre la seconda sostiene progetti ed eventi culturali e turistici di valenza regionale».

La strategia del gruppo argoviese è molto chiara: presentare entro quest’anno al Consiglio Federale la migliore domanda possibile puntando a ottenere la concessione. «Sono convinto – prosegue Altorfer – che possiamo farcela, perché a Baden abbiamo dimostrato per 20 anni che sappiamo il fatto nostro. E, soprattutto, perché il nostro progetto intende creare valore aggiunto per l’intera regione e vogliamo lavorare fianco a fianco con enti pubblici e fondazioni nei settori culturale e turistico. Siamo convinti che potremo creare una situazione win-win dalla quale l’intero Locarnese potrà trarre beneficio». La domanda di concessione verrà presentata dal gruppo argoviese con il sostegno della Città di Locarno e il contratto d’affitto con la Kursaal rappresenta il prerequisito fondamentale per poter procedere nella prima fase e portare a termine quello che è stato chiamato “Progetto Gottardo”.

«Quando siamo stati contattati dalla società Kursaal e ci è stato chiesto se potevamo immaginare di gestire un casinò nel loro stabile – aggiunge il presidente di Stadtcasino Baden Group – ci siamo informati e abbiamo scoperto che a Locarno e a Baden abbiamo costellazioni abbastanza simili, per esempio per quanto riguarda il coinvolgimento dell’ente pubblico. Naturalmente non avremmo firmato questo contratto senza prima aver verificato la possibilità di gestire un casinò redditizio a Locarno, garantendo al tempo stesso il sostegno finanziario alle due fondazioni che operano nell’interesse dell’intera regione».

Altorfer fa anche un accenno agli attuali collaboratori della casa da gioco locarnese: «Al momento non possiamo fornire garanzie, ma è chiaro che se otterremo la concessione avremo bisogno di personale qualificato in loco».

Leggi anche:

La Città punta 3 milioni sulla maggioranza in casa Kursaal

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
kursaal locarno locarno stadtcasino baden group
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
3 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
8 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
13 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
13 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
14 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
22 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved