laRegione
20.01.22 - 11:38
Aggiornamento: 16:47

Più su il livello del Lago Maggiore, preoccupato il Cantone

Il Dipartimento del territorio: “In gioco c’è la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”

piu-su-il-livello-del-lago-maggiore-preoccupato-il-cantone
Le Bolle di Magadino (foto Dt)

Il nuovo innalzamento estivo dei livelli minimi del Lago Maggiore deciso dai vertici dell’Autorità di bacino del Fiume Po, nell’ambito del proseguimento della sperimentazione per il periodo 2022-2026, preoccupa il Dipartimento del territorio (Dt). Lo stesso prende posizione sulla scelta operata lo scorso 20 dicembre. Nella fattispecie, il Dt “ha esternato i propri timori all’indirizzo dell’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) e dei gruppi d’interesse coinvolti, evidenziando come in gioco vi sia, in particolare, la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”.

In una nota inviata ai media, il Dt spiega che la regolazione estiva dei livelli del lago è stata oggetto, nel periodo 2015-2020, di un primo programma di sperimentazione, che ha permesso di valutare gli effetti del livello estivo massimo di regolazione a 1,25 metri sopra lo zero idrometrico di Sesto Calende (che è di 193,01 metri sul livello del mare). “La sperimentazione è stata seguita da un Tavolo tecnico e si è conclusa nel 2020. Il Cantone Ticino (e per esso il Dt) e l’Ufam, hanno partecipato, a partire dal 2017, ai lavori del Tavolo con tre esperti designati. L’Organismo di consultazione bilaterale italo-svizzero, costituitosi nel frattempo, ha espresso un parere formale congiunto sui risultati della sperimentazione conclusa, accompagnato da un’ipotesi tecnica per l’avvio di un nuovo periodo di sperimentazione quinquennale”. Il proseguimento della sperimentazione per il quinquennio 2022-2026 è stato approvato lo scorso 20 dicembre dall’Autorità di Bacino del Po.

“La delegazione svizzera – specifica il Dt – ha ribadito l’opportunità di dare seguito a un ulteriore periodo di sperimentazione mantenendo invariate le soglie definite (livello massimo di regolazione estiva a più 1,25 metri, con possibilità d’innalzamento a più 1,35 metri, nel caso di manifestazione o previsione di situazioni di severità idrica media o alta nell’area vasta costituita dall’asta del Fiume Ticino e del Fiume Po) per consentire un proseguimento omogeneo delle attività di monitoraggio ambientale. Per contro, il raggiungimento di un livello estivo massimo ulteriore di più 1,50 metri non è un obiettivo a sé stante. Inoltre, va privilegiata una gestione dinamica dei livelli del Lago Maggiore dal 15 marzo al 15 settembre per meglio conciliare lo sfruttamento della risorsa idrica a valle di Sesto Calende con le esigenze ambientali e di sicurezza del territorio lacustre nei periodi più sensibili. Ciò vale in particolare a inizio primavera per gli ambienti palustri delle Bolle di Magadino e a fine estate per la gestione delle piene”.

Nell’ambito della nuova sperimentazione 2022-2026, secondo il Dt, “dovranno altresì essere approfonditi i benefici e i costi ambientali, sociali ed economici derivanti dalle maggiori risorse disponibili a seguito dell’innalzamento del livello di regolazione. Il quadro generale dovrà considerare l’insieme del bacino afferrante e le esigenze di tutti i portatori d’interesse a monte e a valle della diga di regolazione della Miorina e non solo le necessità irrigue, idroelettriche o ambientali del Ticino sublacuale. A tal scopo si prevede di valorizzare nel prossimo periodo di sperimentazione le analisi e le conclusioni raggiunte in precedenti progetti di cooperazione italo-svizzera”.

Leggi anche:

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
38 min
Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’
Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
2 ore
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
3 ore
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
3 ore
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
4 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
4 ore
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
4 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
9 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
10 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
10 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
© Regiopress, All rights reserved