laRegione
14.01.22 - 11:27
Aggiornamento: 16:15

Locarno (città delle donne) inverte la tendenza e cresce

Demografia: a fine 2021 gli abitanti erano 16mila 405; si torna ai livelli del 2016. Il gentil sesso domina e batte, come sempre, i maschi

locarno-citta-delle-donne-inverte-la-tendenza-e-cresce
Ti-Press
Più 375 abitanti rispetto al 2020

Locarno torna a piacere. Gli abitanti a fine 2021 risultavano infatti essere in marcata crescita rispetto a 12 mesi prima, riassestandosi sui livelli del 2016. I dati appena usciti dall’Ufficio controllo abitanti sono, secondo il sindaco Alain Scherrer, «indubbiamente rallegranti e ci ripagano, come intera Amministrazione, degli sforzi profusi nell’offrire, seppur in un contesto complicato, servizi di qualità e, in generale, una Città sempre più accogliente».

Le statistiche indicano dunque una marcata inversione di tendenza, dopo la seppur lenta, ma costante, erosione degli ultimi anni. Nel 2020, ad esempio, la Città aveva registrato una diminuzione di 61 persone, mentre nel 2019 il calo era stato di 40 unità. Nel 2021 si è invece registrato un aumento di 375 abitanti, il che porta la quota totale a 16mila 405 persone tra domiciliati e dimoranti, contro le 16mila 30 dell’anno precedente. Ancora stando a Scherrer, uno studio specifico verrà commissionato per capire a fondo quali possano essere le prospettive demografiche locarnesi a medio e lungo termine. Intanto, comunque, ribadisce il sindaco, «quella che possiamo leggere non solo come un’inversione della tendenza e che si traduce in una forte crescita della popolazione, di primo acchito, è un bel segnale per Locarno. La cui amministrazione si sta adoperando – spaziando su più ambiti – nell’intento migliorare costantemente la qualità di vita dei cittadini».

Analizzando i dati forniti da Palazzo Marcacci, in linea generale si segnalano aumenti in tutte le categorie statistiche, con una rincuorante diminuzione – trattandosi di un anno ancora contraddistinto dalla pandemia – dei decessi e un leggero incremento delle nascite. I 16mila 405 abitanti, come detto, traducono un aumento di 375 persone rispetto all’anno precedente. Dei “nuovi”, 227 sono domiciliati, il che fa registrare un totale di 14mila 414, di cui 7’758 ticinesi (+84), 2’752 confederati (+52) e 3’904 stranieri (+91).

Come accennato, il 2021 ha segnato anche un’altra rallegrante inversione rispetto ai dati dei 12 mesi precedenti. Malgrado la pandemia, i decessi sono stati 176, ovvero 44 in meno rispetto al 2020, quando furono 220. Buone notizie, inoltre, per ciò che concerne le nascite. I fiocchi rosa e azzurri appesi alle porte delle case locarnesi sono stati 107, con un aumento di 7 unità.

Se poi, come sempre succede spulciando i dati demografici, andiamo a fare un confronto fra maschi e femmine, beh, non c’è proprio storia: le donne vincono perché sono 8’709 (53%) contro i 7’696 uomini.

Con un totale di 1’991 persone crescono anche, di 148 unità, i dimoranti. I più numerosi sono di gran lunga quelli stranieri (1’838, +155), mentre i dimoranti ticinesi sono 105 (-2) e quelli confederati 48 (-5). Sul fronte della ripartizione percentuale della popolazione, i ticinesi rappresentano quasi la metà degli abitanti di Locarno, con il 47,93%; i confederati sono il 17,07% e gli stranieri superano di poco la frazione di un terzo del computo complessivo (sono il 35%).

Residenze secondarie in crescita

Le statistiche vanno poi a rovistare anche in ambito immobiliare, dove si registra un aumento significativo delle residenze secondarie, che salgono a 2’158 (+166 rispetto al 2020). A dominare questo settore sono – come storicamente è sempre stato sulle rive del Lago Maggiore – le case dei confederati, che si attestano a 1’702 e segnano un aumento di 155 unità. Sono invece 126 quelle dei ticinesi (-3) e 330 quelle abitate da stranieri (+14).

Infine, i dati sugli iscritti in catalogo e sulle naturalizzazioni. I primi ammontano a 9’296 (-72), di cui 4’069 uomini (-5) e 5’227 donne (-67); le seconde presentano una diminuzione di 61 unità, che è netta rispetto ai 12 mesi precedenti, quando i nuovi svizzeri furono 125.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
36 min
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
2 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
2 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
2 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
4 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
5 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
6 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
6 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
6 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
© Regiopress, All rights reserved