laRegione
15.12.21 - 10:55
Aggiornamento: 15:46

Locarno, l’Azienda dell’acqua diventerà ente autonomo

Trasformazione per professionalizzare il servizio, che resterà di proprietà della Città e sotto controllo di Municipio e Consiglio comunale

locarno-l-azienda-dell-acqua-diventera-ente-autonomo
Ti-Press

L’Azienda dell’acqua potabile della Città di Locarno diventerà un ente autonomo. Il Municipio (che sulla questione ha licenziato il relativo Messaggio per il Consiglio comunale) definisce la trasformazione “un passo utile e necessario per fronteggiare adeguatamente le future sfide nel ramo dell’approvvigionamento idrico e rispondere alle crescenti aspettative dell’utenza rispetto a questo servizio”.

«La trasformazione dell’Azienda acqua potabile in ente autonomo serve a meglio affrontare il futuro, non solo velocizzando e professionalizzando l’importante servizio pubblico, ma anche mettendosi al servizio di una visione più regionale per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento idrico, sia in termini di qualità dell’acqua che di quantità in caso di penuria o incidenti. Il tutto coniugando una maggiore capacità e flessibilità decisionale a livello operativo con un controllo pubblico e democratico a livello strategico», specifica il capodicastero Sviluppo economico e territoriale Nicola Pini.

L’obiettivo del progetto è istituire un nuovo ente a carattere integralmente pubblico, “trasparente, solido e dinamico, fortemente radicato nel tessuto regionale e che sappia garantire anche in futuro dei servizi pubblici fondamentali a cittadini e operatori economici, focalizzando le proprie risorse sullo sviluppo delle infrastrutture e sul servizio agli utenti”, aggiunge il Municipio. Il nuovo ente dovrà diventare uno strumento operativo a supporto della politica energetico-ambientale e di approvvigionamento idrico della Città.
Sempre il Municipio: “Quanto viene proposto è un’azienda innovativa, in grado d’affrontare come sinora le molteplici sfide che la distribuzione di una derrata alimentare comporterà, avvalendosi però di nuove sinergie che permettano di gestire efficacemente le preziose risorse idriche regionali, garantendo anche in futuro la distribuzione d’acqua potabile di ottima qualità e in quantità sufficiente. Essa riprenderà le attività e i principi attuali, garantendo una crescita sana e ben ponderata”.
La forma dell’ente autonomo di diritto pubblico, già ampiamente collaudata, permette di mantenere in mano al Comune le scelte politiche e strategiche alla base del servizio, ma sgravando il Municipio dalle questioni operative, di valenza prettamente tecnica: “I suoi organi potranno agire in modo snello e immediato nello svolgimento dell’attività corrente, grazie a una capacità decisionale accresciuta e alle forti competenze disponibili all’interno del servizio”. Gli statuti del nuovo ente sono stati elaborati in modo da salvaguardare il controllo democratico sul suo operato tramite la vigilanza regolare del Consiglio comunale e del Municipio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
13 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
17 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
17 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
17 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved