laRegione
12.12.21 - 18:40
Aggiornamento: 19:09

La Stranociada del futuro? In anticipo, su 2 serate e coi carri

Svelate le carte del Carnevale di Locarno a partire dal 2023. Per l’edizione alle porte niente bagordi ma una ‘StraRISottada’ in Piazza Grande

la-stranociada-del-futuro-in-anticipo-su-2-serate-e-coi-carri
Ti-Press
E gió risott

Il futuro della Stranociada (a partire dal 2023) è già scritto: l’intenzione principale è di prolungare l’evento su due serate e, per evitare la concomitanza con il Rabadan, anticiparlo di una o due settimane. Inoltre, verrà tolta la cucina serale e notturna in Sant’Antonio “per alleggerire ulteriormente l’infrastruttura” dell’omonima Piazza. C’è anche l’idea di proporre un corteo carri in zona Lungolago e Largo Zorzi. Tutto ciò per dire che “il comitato è determinato nel voler dare una nuova forma alla tradizionale Stranociada, ed è pronto ad affrontare queste nuove sfide, introducendo una crescita e uno sviluppo graduale, nel corso dei prossimi anni”.

Sono gli elementi salienti dall’assemblea dell’Associazione Locarnaval, che com’è noto organizza la Stranociada. “Sull’onda verde partita nel 2020, si è optato per una soluzione di bicchiere riutilizzabile, analoga ad altri Carnevali ticinesi. Il progetto – si legge in una nota – è stato parecchio oneroso, ottenendo però buoni risultati. Purtroppo, con l’avvento della pandemia, il sistema attuale non potrà essere riproposto. È chiaro però che non si tornerà indietro e per le prossime edizioni si opterà per una soluzione analoga ma maggiormente in linea con le disposizioni di igiene”. Tutto sommato l’edizione 2020 è stata molto positiva, viene sottolineato, “anche se l’entusiasmo è stato presto smorzato dalla comparsa del Covid-19”. Ciò non ha impedito di versare 2’000 franchi in sostegno ai Carnevali ambrosiani della regione locarnese, che a causa della pandemia non hanno potuto svolgere la manifestazione, così come all’Eoc, quale gesto diretto al personale ospedaliero.

Nel 2021, in assenza della Stranociada tradizionale, per mantenere vivo lo spirito carnascialesco si è deciso di proporre una piccola azione benefica: la corte di Re Pardo II ha consegnato al centro San Carlo e all’istituto Casa Martini gli ingredienti per il risotto, che è poi stato preparato dalle rispettive cucine. Il presidente Lorenzo Manfredi ha ringraziato tutti coloro che a titolo volontario – dal comitato a tutti i collaboratori – permettono lo svolgimento del Carnevale.

Quanto ai conti, chiudono in pareggio. Gran parte delle spese avviene a favore di commerci locali, generando globalmente un indotto di circa 130mila franchi.

Il nuovo comitato

Alle nomine statutarie sono stati ringraziati i membri uscenti Maurizio Terribilini, Mauro Trapletti e Plinio Luconi. Il comitato è ora composto, oltre che dal presidente Manfredi, dal vicepresidente Luigi Bazzi, dal cassiere Aleksandar Bauk, nonché da Elisa Bazzi, Roberto Grizzi, Elisa Iuva, Emilio Pozzi e Flavio Sassi. A questa squadra va affiancata quella degli apprezzati collaboratori esterni.

Il nuovo comitato si è da subito lanciato nell’organizzazione della prossima edizione della Stranociada, che, come già comunicato, non avrà la sua notte di bagordi ma la primissima “StraRISottada”, prevista domenica 27 febbraio 2022 in Piazza Grande.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
video
Bellinzonese
19 min
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roverdo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Ticino
1 ora
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
2 ore
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
2 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
4 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
7 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
7 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
7 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
17 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
18 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
© Regiopress, All rights reserved