laRegione
conciliabilita-lavoro-figli-tre-realta-territoriali-si-aiutano
03.12.21 - 17:41
Aggiornamento: 18:23

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza

La conciliabilità tra famiglia e lavoro condiziona oggi più che mai la vita sociale. L’assenza, sul territorio, di servizi di cura per l’infanzia, l’impossibilità, non di rado, di ricorrere al part-time e di usare in modo flessibile l’orario di lavoro, si ripercuotono negativamente sul benessere dei genitori, costretti a rocambolesche imprese per incastrare tutti gli impegni della giornata. Per questo da anni le autorità si sforzano di attuare politiche di conciliazione lavoro-famiglia. Un tema, questo, che ha spinto il gruppo Ppd delle Terre di Pedemonte a presentare, al Municipio, la scorsa estate, un’interrogazione. Atto parlamentare che si rifà a un questionario inviato dal Municipio un anno prima, nell’estate 2020, ai genitori con figli tra gli 0 e i 15 anni, intitolato “Indagine sui bisogni delle famiglie con figli dai 0 ai 15 anni in cui i genitori lavorano - concilibilità tra tempo di cura e tempo di lavoro/formazione”. Secondo il gruppo Ppd, “si tratta di un’iniziativa lodevole, perché anche nelle Tre Terre sempre più giovani famiglie sono confrontate con le difficoltà di assicurare un’adeguata cura dei figli durante il tempo di lavoro”. Purtroppo, però, i risultati di questa indagine sono arrivati solo in queste settimane. Un ritardo che ha dunque spinto la formazione politica pipidina a chiedere spiegazioni all’Esecutivo. In particolare su quelli che sono ritenuti gli interventi più utili da attuare (refezione scolastica, orario scolastico continuato, dopo scuola, asilo nido ecc.).

Pochi i questionari rientrati, il problema non è dunque così presente?

Nella sua risposta, il Municipio, a mo’ di premessa richiama l’attenzione su quello che è un progetto allo studio da un po’ di tempo con i vicini delle Centovalli e dell’Onsernone, dove un’analoga indagine tra le famiglie è stata condotta. Come già riferito su questa testata, si stanno gettando le basi per creare un istituto scolastico unico che raggruppi i tre attuali, così da trovare soluzioni concordate al problema. Nel Pedemonte, purtroppo, la rispondenza al questionario è stata bassa (su 221 formulari solo 67 sono rientrati, vale a dire il 30%). Le famiglie che riscontrano difficoltà nel conciliare lavoro e tempo da dedicare alla cura dei figli sono 19 su 67, nemmeno il 30% quindi. Le maggiori criticità sollevate dalle coppie riguardano, in egual misura, gli orari incompatibili, l’offerta di servizi sul territorio limitata, la lontananza dal luogo di lavoro, la mancanza di posti in strutture apposite. A livello di servizi comunali offerti alle famiglie, dal sondaggio spiccano la refezione scolastica, il trasporto degli alunni, l’orario continuato (7-18), il dopo-scuola e pure l’attività durante le ferie.

Alla precisa domanda del Ppd su come il Municipio valuta la situazione nel comprensorio, l’Esecutivo fa sapere di aver chiesto informazioni pure alla direzione dell’Istituto scolastico. “L’esiguo numero di risposte pervenute da parte di mamme e papà lascia comunque intendere che quella della conciliabilità lavoro-famiglia sia una difficoltà poco presente”. D’intesa con Decs, ispettorato scolastico e Comuni vicini, l’Amministrazione pedemontana guarda comunque con fiducia all’Istituto unificato, dal quale nei prossimi anni potrebbero emergere soluzioni condivise per migliorare l’offerta di servizi alle famiglie.

Una risposta che non soddisfa affatto i firmatari pipidini

Non è assolutamente soddisfatto della risposta del Municipio il gruppo Ppd autore dell’interrogazione, il quale ritiene che ai problemi delle famiglie andassero riservati ben altro riguardo e attenzione, ancora di più nella delicata situazione derivante dalla pandemia Covid.

“Affermare che 19 segnalazioni di necessità su 67 formulari rientrati non meritano si affronti e approfondisca meglio il tema sembra un segno di scarsa sensibilità sociale: quella che viene tanto proclamata nelle campagne elettorali ma poi subito dimenticata nell’agire reale. Sostenere che le famiglie dovrebbero rivolgersi alla direzione delle scuole ci sembra pure un’affermazione poco accorta: non si tratta infatti dei problemi scolastici, ma di quelli sociali. Il nostro gruppo non si arrende qui e continuerà a promuovere i valori della famiglia e il sostegno di quelle meno abbienti”, concludono i firmatari.

Leggi anche:

Sedi unificate, l'Onsernone difende la sua scuola

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centovalli conciliabilità onsernone pedemonte ppd questionario
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
27 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
37 min
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
55 min
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dell’aggregazione e i 600 della battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
2 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio emanate oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
2 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri cantoni
Bellinzonese
3 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved