laRegione
23.11.21 - 16:01
Aggiornamento: 16:20

Comparto stazione Ffs, Muralto non ricorrerà al Tram

Il Municipio accetta la sentenza del Consiglio di Stato, che aveva annullato le decisioni del legislativo su variante di Pr e credito per la pensilina

comparto-stazione-ffs-muralto-non-ricorrera-al-tram
Ti-Press
La stazione Ffs di Muralto rimane in un limbo

Il Municipio di Muralto non ricorrerà contro la sentenza del Consiglio di Stato favorevole ai ricorsi presentati da alcuni privati cittadini contro le decisioni del Consiglio comunale riguardanti il comparto della stazione Ffs. L’esecutivo aveva facoltà di adire il Tribunale amministrativo, ma per una questione di opportunità, anche politica, ha deciso di soprassedere.

Le decisioni annullate dal governo, ricordiamo, riguardano una la variante di Piano regolatore che avrebbe reso possibile (al netto di un referendum annunciato) la trasformazione di tutto il comparto, e l’altra la concessione di un credito di 4,7 milioni di franchi per l’edificazione grezza di una pensilina che avrebbe caratterizzato il nodo intermodale per il trasporto pubblico urbano e regionale.

In seguito alla sua sentenza, il Consiglio di Stato aveva poi deciso di stralciare dai crediti PaLoc quello da 15 milioni di franchi destinato proprio alla creazione del nodo intermodale. Un “congelamento” che era stato motivato con la necessità di trovare un vero consenso regionale (ma prima ancora locale, visti i numerosi mal di pancia emersi nella comunità muraltese).

L’iter riguardante la variante di Pr dovrà ora verosimilmente essere ripreso sulla base dell’ampia documentazione esistente, ma apportando quei correttivi imprescindibili per evitare che un prossimo voto del Consiglio comunale debba poi passare dalle forche caudine di una votazione popolare.

Il governo aveva annullato le due decisioni del legislativo (20 ottobre 2020) innanzitutto perché il “rinnovamento” del Consiglio comunale in vista della seduta decisiva, con l’innesto di 5 membri, non era avvenuto correttamente. In particolare uno dei dimissionari si era annunciato soltanto al sindaco per email, senza che ne fosse informato il Municipio (il quale non aveva poi formalizzato l’uscita di scena del consigliere comunale).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
15 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
17 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
18 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
19 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
22 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
© Regiopress, All rights reserved