laRegione
22.11.21 - 20:07
Aggiornamento: 23.11.21 - 07:10

Vallemaggia: rispuntano i cartelli abusivi

Rimessi i manifesti contro la Legge Covid, ma anche stavolta sono durati ben poco

di Shila Dutly Glavas
vallemaggia-rispuntano-i-cartelli-abusivi
LaRegione

Ci risiamo, potrebbe dire qualcuno. Dopo la decisione – presa settimana scorsa – da vari comuni del fondovalle valmaggese di rimuovere (solo per quanto concerne la strada cantonale) i manifesti e striscioni abusivi degli oppositori alla legge Covid, rieccoli apparire in alcuni dei luoghi dove erano stati tolti.

È successo venerdì scorso, due giorni dopo la pubblicazione dell’articolo “Vallemaggia: cartelloni ‘no vax’… ‘no autorizzat’”, pubblicato nell’edizione di mercoledì 16 novembre su LaRegione.

E così eccoli ancora lì, i pollicioni rossi con le scritte nere ritornare, per esempio lungo il cavalcavia della pista ciclabile che collega Cevio a Bignasco. Ma stavolta erano in regola?

«Ci siamo resi conto che erano state riposizionate le insegne pre-voto la mattina stessa, tramite la segnalazione della squadra esterna comunale. Abbiamo provveduto a rimuoverli di nuovo, poiché anche in questa circostanza non avevamo ricevuto nessuna richiesta né tanto meno rilasciato un’autorizzazione», chiarisce il segretario comunale di Cevio, Fausto Rotanzi.

Sbagliare è umano, perseverare è diabolico, direbbe qualcun altro. Chiediamo, sempre al segretario comunale del paese capoluogo valmaggese, se il Municipio è intenzionato a multare gli autori del gesto, grazie anche al supporto della Legge sugli impianti pubblicitari, contenuta - come ricordiamo- nella raccolta delle leggi del Canton Ticino (CAN), in caso di impianti pubblicitari non conformi.

«Il Comune non ha pensato a una sanzione riguardo alla riposa dei cartelloni. Anche perché non sappiamo esattamente chi sia stato a metterli. Nessuno ha visto niente e quindi nessuno sa dirci se a mettere gli striscioni sia stato un privato, di sua spontanea iniziativa, oppure il comitato politico, quest’ultimo che stampa e distribuisce il materiale, ma che non sempre si occupa del “volantinaggio”. Certo, se “l’andazzo” è questo, potremmo pensarci in futuro».

Alcuni potrebbero pensare che l’atteggiamento portato avanti dai Comuni valmaggesi possa essere pregiudizievole e legato al messaggio lanciato dai manifesti, contrari alla legge Covid. Anche in questo caso, è sempre Rotanzi a rispondere chiaramente: «Lo ribadisco. Non abbiamo, né noi, né tanto meno gli altri Comuni, deciso di togliere i cartelloni per il contenuto espresso sopra, dato che la libertà d’espressione esiste ancora ed è garantita. Li abbiamo rimossi, oltre al fatto sopracitato che non avevano chiesto, anche e soprattutto per una questione di sicurezza sulle strade».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
41 min
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
1 ora
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
1 ora
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
2 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Ticino
5 ore
Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale
In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Luganese
5 ore
Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’
L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Locarnese
7 ore
Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta
All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Mendrisiotto
10 ore
Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto
L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
10 ore
Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin
Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
10 ore
Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno
L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
© Regiopress, All rights reserved