laRegione
laR
 
16.11.21 - 21:09

Losone, conto finale salato per la nuova casa anziani

Maggiori costi e spese aggiuntive per un milione e mezzo di franchi. Comune (950 mila) e Patriziato (550mila) chiamati alla cassa

losone-conto-finale-salato-per-la-nuova-casa-anziani
La nuova struttura

Preventivo: 21 milioni e 614 mila franchi. Ma per la nuova casa medicalizzata per anziani a Losone, che accoglierà i primi ospiti il prossimo mese di febbraio, ci sono dei costi aggiuntivi. Un saldo finale che supera di 1,5 milioni di franchi la prima stima. La somma sarà coperta dal Comune (950mila franchi) e dal Patriziato (550mila), fatta salva una nuova, ma non certa, partecipazione cantonale (Bellinzona aveva già versato un contributo di 7,255 milioni), che potrebbe andare a ridurre queste somme.

Il Municipio ha già preparato la richiesta di credito e la stessa sarà discussa in occasione di una prossima seduta di Consiglio comunale: il messaggio per i 950mila franchi “a completamento del finanziamento delle opere di costruzione” fornisce dettagli sulle spese in più per l’opera che completerà quello che sarà a tutti gli effetti un centro polifunzionale per la terza età. Lo stesso, gestito dalla Fondazione Patrizia, metterà a disposizione 99 posti letto: 60 nella nuova struttura (12 dei quali destinati a persone affette da demenza senile) e 39 nella struttura esistente, con appartamenti per persone ancora autosufficienti.

“Con il termine dei lavori di costruzione della nuova casa per anziani medicalizzata, il Comune di Losone disporrà di una struttura moderna e adeguata ai bisogni locali e sovra-comunali – specifica l’Esecutivo –. I maggiori costi che siamo chiamati a sostenere non sono imputabili a una cattiva gestione del cantiere, ma piuttosto a una mancanza d’esperienza in un settore particolarmente complesso. Tali costi non sono stati valutati all’inizio, o lo sono stati con insufficiente precisione, ma sono comunque necessari per permettere l’avvio dell’attività della struttura; non si tratta quindi di costi generati dall’inosservanza dei criteri d’economicità”.

E ancora: “Con il senno di poi, al momento della presentazione del progetto e del preventivo definitivi, sarebbe stato opportuno ricorrere alla consulenza di uno specialista del ramo (ad esempio di un direttore di una struttura simile), che avrebbe potuto allertare la committenza sull’esigenza di approfondire le posizioni che oggi sono al centro della discussione”.

Le tabelle dei costi

Due le tabelle dei costi supplementari. Nella prima le maggiori spese per il concorso (366mila franchi), per le banche, per i legali (anche a causa dei ricorsi), per un’opera artistica e per consulenze. Nella seconda, invece, tutte le attrezzature di esercizio che non erano state previste: dal vasellame alle sedie geriatriche a rotelle, passando per rete Wi-Fi, informatica, server, stampanti, macchinari di pulizia, strumenti per gestire cartelle sanitarie e turni del personale, utensili, carrelli, locale coiffeur, macchine del caffè e altro ancora, per un totale di quasi 790mila franchi.

“Le motivazioni di questa maggior spesa – commenta il Municipio – sono riconducibili, da una parte (tabella uno) a situazioni poco influenzabili da parte della Committenza; a parte l’opera artistica e la realizzazione del video di cantiere, le altre spese erano comunque inevitabili o perché legate a norme di legge (concorso) o perché conseguenti a eventi particolari (ricorsi), oppure perché il costo del capitale è pure inevitabile (occorreva comunque prevederlo).
Per quanto riguarda invece la tabella due, i costi indicati nella stessa vanno considerati un ‘peccato di gioventù’ della committenza, che non ha sufficientemente valutato l’impatto di alcune posizioni (considerate in maniera troppo prudenziale) oppure le ha semplicemente omesse dal preventivo per mancanza d’esperienza. È vero però anche che il preventivo definitivo è stato determinato in una fase successiva all’approvazione del credito comunale di 3,5 milioni di franchi (7 anni dopo) e, quindi, si sarebbe comunque dovuto procedere con la richiesta di un ulteriore aiuto da parte dal Comune e dal Patriziato, anche se in tempi diversi”.
Infine “va ribadito come tali maggiori costi si riferiscono a spese che andavano comunque effettuate. Il difetto è stato quello di non prevederle in maniera più precisa”.

Ciò detto, la Fondazione Patrizia (committente dell’opera) ha fatto alcuni calcoli: il “sorpasso” di 1,5 milioni rispetto al preventivo corrisponde a un aumento del 6,93 per cento, “attestandosi quindi all’interno della paletta del più o meno 10 per cento prevista dalle norme Sia per i preventivi definitivi”. La stessa Fondazione sta quindi cercando di completare il finanziamento dell’opera e ha chiesto la disponibilità di Comune e Patriziato a riconoscere questi maggiori costi. “Il Cantone, pure interpellato, non ha ancora dato la sua risposta; se lo stesso dovesse riconoscere parte dei maggiori costi, la presente richiesta verrebbe proporzionalmente ridimensionata. Le possibilità che ciò accada sono però molto deboli, tenuto conto del fatto che il limite di costo massimo sussidiabile di 300mila franchi per posto letto, nonostante sia palesemente inadeguato ai tempi che corrono, è rimasto immutato da ormai parecchi anni e difficilmente è ipotizzabile uno strappo alla regola. La proposta scaturita durante un incontro fra sindaco, presidente del Patriziato e presidente della Fondazione è di suddividere l’importo: al massimo 950mila a carico del Comune e 550mila a carico del Patriziato. Siccome i lavori termineranno entro fine anno e le liquidazioni dovrebbero avvenire a inizio 2022, la decisione dei rispettivi organi legislativi (Consiglio comunale e Assemblea patriziale) dovrebbe avvenire ancora entro fine anno, in modo che la Fondazione Patrizia possa assicurare la tacitazione degli artigiani secondo i termini di pagamento usuali”. A quel momento, tirate le somme definitive, il costo globale della nuova casa anziani arriverà a circa 23 milioni di franchi (22’975’700 per essere precisi).

Leggi anche:

Apre a febbraio la nuova casa anziani di Losone

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
7 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
7 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
8 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
9 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
10 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
11 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
11 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
12 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved