laRegione
28.10.21 - 16:07

Salva, il nuovo Regolamento dei dipendenti e la sua incidenza

Il Servizio ambulanza del Locarnese sta valutando cosa cambierà con la sua introduzione. Ai Comuni un fabbisogno da coprire di 2,41 milioni

salva-il-nuovo-regolamento-dei-dipendenti-e-la-sua-incidenza

Che ne sarà della pandemia nel 2022? Secondo gli esperti potrebbe essere sotto controllo nella prossima primavera. Meglio, comunque, non illudersi troppo, poiché salvo poche eccezioni le malattie infettive difficilmente se ne vanno del tutto. Motivo per cui anche per chi è chiamato a fare previsioni (nello specifico di tipo finanziario), la prudenza è di rigore. È il caso del Salva, il Servizio ambulanza Locarnese e valli (Salva) che ha trasmesso ai Comuni e ai delegati le stime di spesa per il 2022. Cifre che saranno poi discusse e votate in occasione dell’Assemblea, prevista il 29 novembre, a Locarno.

Personale, un leggero aumento delle forze

Nella stesura del documento contabile, i responsabili hanno considerato una situazione di lento ritorno alla normalità, con la ripresa di quelle manifestazioni sul territorio e di erogazione di servizi (corsi di formazione ad aziende, privati, istituzioni). Le cifre riassuntive del preventivo 2022 fanno stato di uscite di 7,89 milioni, ricavi per 5,48 milioni e un fabbisogno da coprire dai Comuni di 2,41 milioni di franchi. Ciò che corrisponde a un costo pro capite di 34,63 franchi. Importo, quest’ultimo, che nell’ultimo decennio, nonostante l’incremento marcato del numero degli interventi, l’ente ha saputo mantenere stabile. Il tutto sempre garantendo un servizio di soccorso preospedaliero efficace e professionale.
Come sempre, a farla da padrone a livello di uscite, sono i costi legati al personale, che con 5,88 milioni costituiscono il 74,5% dei costi complessivi dell’associazione. Ma, prossimamente, le cose potrebbero cambiare. Il Comitato sarà infatti chiamato a dire la sua sull’adozione del Regolamento organico dei dipendenti della Federazione cantonale ticinese dei servizi ambulanza. Se in altre sedi è già stato preavvisato, alla Peschiera, sede del Salva, si è preso tempo per approfondire i vari contenuti. Negli ultimi anni, tuttavia, si è cercato di precorrere i tempi, aumentando le risorse e rivedendo alcune indennità. Questo per evitare di trovarsi poi impreparati quando il nuovo Regolamento verrà introdotto, con conseguenze sui costi operativi e sul fabbisogno in termini di risorse umane.
Proprio per quanto riguarda le unità complessive, nel 2022 è previsto un incremento di quasi un’unità. Non saranno solo i professionisti della materia a conoscere una variazione, bensì anche i volontari attivi per il servizio. Oggi se ne contano 41 unità, ma 11 iscritti al corso di formazione di nuove leve si stanno affacciando sulla scena. A preventivo si stima che il loro impiego dovrebbe attestarsi sulle 11mila ore di servizio l’anno prossimo.

Il ritorno dei grandi eventi di richiamo

Detto della voce uscite, due parole vanno spese, ovviamente, anche per gli introiti. I ricavi dal settore ambulanza (che generano il 60% delle entrate del Salva) dovrebbero raggiungere i 4,81 milioni di franchi, leggermente meno di quanto registrato a consuntivo 2020. Ovviamente fare calcoli precisi non è facile, da momento che sul numero di missioni di soccorso pende la spada di Damocle del Covid. La pandemia può infatti giocare un ruolo determinante sull’interventistica. Se il 2022 consentirà lo svolgimento di manifestazioni di grande richiamo (Moon & Stars, Film Festival ecc...) e l’organizzazione di corsi di formazione alle aziende e al pubblico, dai vari dispositivi sanitari il Salva dovrebbe poter ricavare sui 150mila franchi. Altri 568mila saranno gli introiti per contributi e sussidi (in aumento). Prosegue anche la raccolta fondi tramite la campagna sostenitori, che di anno in anno è confrontata con un aumento delle persone sensibili alla causa del Salva. Nel 2020, a titolo informativo, sono entrati nelle casse dell’Associazione circa 285mila franchi.
Accanto al preventivo, i delegati saranno chiamati a deliberare anche su un credito di 280mila franchi per l’acquisto di una nuova ambulanza. La durata di vita media di un veicolo di soccorso si attesta attorno ai 9 anni. Spazio di tempo durante il quale percorre, mediamente, 230mila km.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
16 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
17 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
20 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved