laRegione
27.10.21 - 15:49
Aggiornamento: 17:28

‘Con i 4 medici difficile mantenere un rapporto di fiducia’

Il direttore della Santa Chiara di Locarno, Christian Camponovo, sulla disdetta ai dottori che si erano opposti al passaggio di proprietà

con-i-4-medici-difficile-mantenere-un-rapporto-di-fiducia
Ti-Press
La clinica Santa Chiara

«Nei giorni scorsi abbiamo inoltrato la disdetta del contratto di accredito a quattro medici della clinica Santa Chiara di Locarno. Il motivo: dopo attenta valutazione siamo giunti alla conclusione che era difficile mantenere con loro un rapporto di fiducia». A confermarci la notizia anticipata da Tio è il direttore della clinica locarnese Christian Camponovo (pure direttore della clinica luganese Moncucco).

Per tre medici – Daniela Soldati, Maurizio Caporali e Adrian Sury – la disdetta ha effetto immediato. Terminerà invece a fine anno il partenariato con il quarto medico, Philip Meyer. I quattro si erano opposti alla clinica luganese Moncucco, che la scorsa primavera ha acquisito la Santa Chiara per quattro milioni di franchi. Quella che viene vista come una sorta di “epurazione” non sorprende, tanto più che la questione del passaggio dell’azionariato è ancora in attesa di un giudizio definitivo.

Riorganizzazione con qualche lacrima

Alla Santa Chiara è in corso una riorganizzazione. A che punto siete? «Abbiamo iniziato con alcune collaborazioni tra Santa Chiara e Moncucco, che permettono soprattutto all’istituto locarnese, dove l’attività è più limitata, di contenere i costi di gestione. Entrambe le strutture, in simbiosi, possono approfittare di servizi più professionali».

La clinica locarnese era stata potenziata sia per far fronte all’emergenza Covid, sia in altri settori. «In questa fase dobbiamo agire su situazioni puntuali cercando di procedere senza licenziamenti», prosegue l’intervistato. Ricordiamo che alla Santa Chiara lavorano circa 250 persone. Qualche settimana fa c’era chi prospettava sacrifici, con lacrime e sangue. «Nessun bagno di sangue, ma qualche lacrima – ammette il direttore –. La riduzione di alcuni impieghi è legata alla non conferma di contratti che erano stati stipulati al momento di creare il reparto Covid. Poi ci sono stati, e ce ne saranno ancora, trasferimenti interni da una struttura all’altra, per sfruttare al meglio le competenze di ognuno, evitando inutili doppioni. E forse qualche lacrima da versare c’è ancora, perché l’attività della Santa Chiara non è ancora ripartita come vorremmo. Dobbiamo fare i conti con la reticenza di chi potrebbe collaborare con l’istituto, ma che, per gli sviluppi degli ultimi mesi, fa prova di grande prudenza». In altre parole, va sanato pure il danno d’immagine: «Quello dispiace, soprattutto pensando alle tante persone che alla Santa Chiara lavorano ogni giorno, con impegno e serietà, mettendo sempre il paziente in primo piano».

Leggi anche:

Disdetto il contratto a quattro medici della Santa Chiara

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
4 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
4 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
5 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
6 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
6 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
6 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
7 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
8 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
8 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
8 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
© Regiopress, All rights reserved