laRegione
19.10.21 - 16:54
Aggiornamento: 20.10.21 - 16:21

Locarno, un semaforo e due taxi: la Lega interroga

Dubbi sull’utilità dell’impianto in via Franzoni e domande su tassisti provenienti da fuori città

locarno-un-semaforo-e-due-taxi-la-lega-interroga
Ti-Press

“Il semaforo alla fine di via Franzoni è inutile”; seguono tre punti esclamativi. È l’opinione del consigliere comunale di Locarno Gianni Guerra (Lega), primo firmatario di un’interrogazione dedicata al tema. Guerra segnala che in certe ore della giornata, l’impianto crea lunghe code di veicoli, con imbottigliamenti che arrivano fino all’incrocio delle Cinque Vie. Tra le domande poste al Municipio, citiamo: “Quel semaforo non doveva essere provvisorio? Come mai è ancora attivo? Non ho mai visto in nessuna parte al mondo un semaforo prima di una rotonda: cosa pensa il Municipio in merito? La Polizia comunale è al corrente che molti veicoli non rispettano il rosso? Non pensa il Municipio che si tratti di un semaforo inutile? A quanto ammontano i costi di manutenzione dell’impianto?”.

Una seconda interrogazione, sempre di Guerra e cofirmatari, si concentra invece sul tema dei tassisti. Oltre a chiedere al Municipio come mai la tariffa pagata dai taxi che hanno una concessione a Locarno sia così alta, vengono poste domande sulla presenza nella zona di Piazza Castello, su due parcheggi privati, di altrettanti taxi di una ditta domiciliata a Losone. “È concorrenza sleale? Non sarebbe il caso di vietare l’illuminazione delle insegne con la scritta taxi e i cartelli sui lati dei veicoli a questi due mezzi? La Polizia Comunale, negli ultimi due anni, quanti controlli ha eseguito di ore di lavoro e dischi sui taxi che circolano sul nostro territorio? Quanti tassisti sono stati segnalati all’ufficio della circolazione preposto?”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
4 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
5 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
6 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Ticino
8 ore
Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale
In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Luganese
9 ore
Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’
L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Locarnese
10 ore
Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta
All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Mendrisiotto
14 ore
Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto
L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
14 ore
Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin
Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
14 ore
Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno
L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
© Regiopress, All rights reserved