laRegione
13.10.21 - 17:32

Pedemonte, sempre più verso le energie rinnovabili

A Cavigliano una serata informativa (anche per l’Onsernone) per spiegare come fare e quali sono i vantaggi e gli incentivi 

pedemonte-sempre-piu-verso-le-energie-rinnovabili
Ti-Press

I Municipi dei Comuni di Terre di Pedemonte e di Onsernone propongono alla popolazione una serata pubblica per informare sulle possibilità di passare a fonti energetiche rinnovabili al momento di sostituire l’impianto di riscaldamento. L’evento si terrà mercoledì 20 ottobre, con inizio alle 20, nella sala multiuso di Cavigliano. In Svizzera, il parco immobiliare, composto da circa 2,3 milioni di edifici, è responsabile del 30 per cento delle emissioni di gas a effetto serra, poiché il 60 per cento delle costruzioni sono ancora riscaldate con impianti a olio o a gas. Per raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica entro il 2050, andranno gradualmente sostituiti i 900mila impianti di riscaldamento a energie fossili oggi in esercizio. È qui che entra in gioco il ruolo dei proprietari degli edifici, in quanto si è constatato che a oggi, al momento di sostituire l’impianto di riscaldamento, meno del 50 per cento considera una variante basata su fonti energetiche rinnovabili. Una parte importante della serata sarà in effetti dedicata a informare sugli interessanti aiuti finanziari attualmente in vigore a livello cantonale. Aiuti che dovrebbero dare un’ulteriore spinta a quanto già in atto da alcuni anni. In effetti, nel territorio del Comune di Terre di Pedemonte, il recente aggiornamento del bilancio energetico ha evidenziato che tra il 2014 e il 2019 sono scesi sia il fabbisogno di calore del parco immobiliare (meno 5,6 per cento) che quello di olio da riscaldamento (meno 13,7 per cento) e di elettricità per riscaldamento (meno 23,4 per cento). In parallelo, è aumentata del 35,4 per cento la quota parte di calore da rinnovabili per il riscaldamento degli edifici e del 37,2 per cento la parte di elettricità usata in pompe di calore. In parole povere è già in corso un progressivo miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili e un passaggio a calore prodotto con fonti rinnovabili. E lo stesso succede in altri settori, per esempio quello del fotovoltaico in cui nei cinque anni in questione la potenza installata è pressoché triplicata.

La serata si inserisce nell’ambito del programma federale “Calore rinnovabile”, tramite il quale l’Ufficio federale dell’energia/SvizzeraEnergia intende sensibilizzare i proprietari degli edifici riscaldati con sistemi tradizionali a valutare per tempo un possibile passaggio alle rinnovabili. Passaggio che permette di proteggere il clima e l’ambiente, ma senza dimenticare gli aspetti economici. In effetti, anche grazie alle sovvenzioni e alle possibilità di deduzioni fiscali, la conversione alle energie rinnovabili risulta interessante anche per il portamonete. La serata di Cavigliano si rivolge a tutti i proprietari di edifici dei due Comuni promotori che intendono chinarsi sulla questione della sostituzione del loro riscaldamento a olio, a gas o elettrico con impianti a energie rinnovabili quali ad esempio pompe di calore, impianti a legna, solare termico, teleriscaldamento. Oltre alle singole soluzioni tecniche e ai vari incentivi disponibili, verrà illustrato un esempio concreto di ammodernamento energetico di un edificio e della relativa impiantistica. Per la partecipazione alla serata vige l’obbligo di presentare un certificato Covid, unitamente a un documento d’identità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
31 min
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
31 min
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
3 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
3 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
3 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
3 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
10 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
10 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
11 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
12 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved