laRegione
laR
 
09.10.21 - 05:10

Viabilità in tilt, ‘non abbiamo margine di riserva’

Paolo Caroni, presidente della Cit, sui disagi alla circolazione nel Locarnese: l’evoluzione del traffico e delle infrastrutture non viaggiano di pari passo

viabilita-in-tilt-non-abbiamo-margine-di-riserva

Un autobus in panne nella galleria Mappo-Morettina; uno scoscendimento all’altezza della galleria di Moscia (Ascona). Sono, questi, soltanto due dei più recenti casi all’origine di maxi ingorghi sulle strade del distretto locarnese. Traffico in tilt su tutte le arterie, automobilisti spazientiti, ore di ritardo accumulate. Momenti difficili per tutti, roba da “bollino rosso”, come direbbero nella vicina Penisola. E i disagi si acuiscono ulteriormente quando scendono al Sud delle Alpi, con le proprie auto, i vacanzieri confederati.

Ma c’è un modo concreto di porre la parola fine a questa atavica situazione che scoraggia ed esaspera tutti? Esiste un piano di gestione delle emergenze da mettere in pratica non appena se ne presenta la necessità? Ne abbiamo parlato con Paolo Caroni, presidente della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese.

Iniziamo proprio da quanto accaduto giovedì pomeriggio. Un bus (nuovo di pacca) che si blocca, inspiegabilmente, all’interno della galleria. Apriti o cielo. Lei dov’era, Paolo Caroni?

In colonna come centinaia di automobilisti. Ho impiegato due ore per raggiungere Locarno da Bellinzona. La Mappo-Morettina è una componente essenziale della nostra viabilità regionale. Ne abbiamo avuto l’ulteriore conferma. Pochi mesi fa è arrivato sul tavolo della Cit (e di tutti i partner coinvolti, Corpi di polizia inclusi) il manuale contenente le misure di coordinamento da attuare in caso di emergenza viaria. In pratica esso contiene le direttive su come gestire simili eventi.

Di piani di gestione dell’emergenza, me lo lasci dire, si parla da decenni. Ma al lato pratico, siamo sempre ai piedi della scala...

Il documento in questione ha richiesto un lungo iter di allestimento. È stato avviato nel 2003, con l’incarico assegnato a suo tempo a un ingegnere specialista del traffico di allestire un piano d’azione. Nel tempo ha subito vari aggiornamenti.

Sono passati quasi vent’anni e ancora non se ne vedono i risultati, purtroppo...

Nel 2018 il Dipartimento del territorio ha sottoposto un riassunto dei contenuti alla Cit. Da parte nostra ne abbiamo condiviso i principi e abbiamo dato via libera alla stesura finale. A questo manuale hanno lavorato anche Ustra, la polizia e i vari uffici cantonali preposti. È frutto di un lavoro concordato. Da fine estate 2021, tutte le parti che hanno collaborato alla sua stesura sono in possesso di questo strumento con le istruzioni operative.

Ma il passaggio dalla teoria (carta) alla pratica quando avverrà?

In effetti, al lato pratico non è ancora stato attuato. A mio modo di vedere un aspetto importante riguarda la tempestiva informazione degli utenti. Oggi ancora carente. Si sta lavorando anche per migliorare questo problema e implementare la comunicazione, così da poter far fronte prontamente a eventuali criticità.

Significa che da ora in poi saremo al riparo da brutte sorprese quando, per un motivo o per l’altro, si renderà necessaria la chiusura di qualche strada di forte traffico?

A titolo personale le dico ciò che penso da anni: le nostre strade sono sempre state al limite. L’evoluzione del traffico e l’aggiornamento delle infrastrutture stradali non hanno mai viaggiato di pari passo. Non esiste, quindi, un margine di riserva. Se uno dei principali assi viari viene bloccato, poco si può fare. Non disponiamo di percorsi alternativi e le valvole di sfogo sono quel che sono. Ma c’è dell’altro: noi nel Locarnese siamo sfortunati perché disponiamo di un collegamento con il resto della Svizzera penalizzante. Mi riferisco al raccordo A2-A13, che andrebbe finalmente completato il più presto possibile. Gli operatori turistici e l’economia sono concordi: il traffico è il nemico da combattere. È dannoso per la promozione della nostra immagine e comporta perdite importanti per aziende e le imprese.

Parliamo di un’altra croce: i cantieri stradali.

Non possiamo permetterci, visto il contesto, che i lavori che interessano le grosse vie di comunicazione non vengano eseguiti di giorno e di notte, non stop. È indispensabile stringere i tempi per non perturbare il traffico diurno. Dobbiamo quindi aprire e chiudere i cantieri in fretta. Servono le necessarie deroghe affinché non si creino disagi e rallentamenti. Vanno inoltre assolutamente meglio pianificati, per evitare di trovarsi più cantieri nel giro di pochi chilometri. Anche se non è sempre facile coordinare i tanti operatori coinvolti, oltre agli uffici comunali, è essenziale garantire la fluidità del traffico. Vanno quindi resi meno impattanti con la viabilità.

In molti, soprattutto sui social, si chiedono come mai non vengano subito inviati, nelle zone ”calde” dal punto di vista degli intasamenti, degli agenti di polizia a dirigere il traffico.

È una domanda che non deve rivolgere al sottoscritto. Esula dalle mie competenze.

Leggi anche:

Autobus in panne, caos viario attorno alla Mappo-Morettina

Ascona, sempre chiusa la strada litoranea

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
9 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
11 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
14 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
17 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
21 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
21 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved