laRegione
laR
 
07.10.21 - 16:05
Aggiornamento: 17:49

Un hangar provvisorio sostituirà quello distrutto

Aeroporto di Locarno, il governo ha deciso la costruzione di un’aviorimessa che garantirà all’AeLo spazi adeguati in attesa della futura nuova officina

un-hangar-provvisorio-sostituira-quello-distrutto

Sono trascorsi quasi tre mesi da quel 13 luglio nel quale un “down burns” (un vento intenso e forte, indirizzato dall’alto verso il basso, che si sviluppa sotto le nuvole temporalesche) si è portato via, all’Aeroporto cantonale di Locarno, portoni e tetto del vecchio Hangar 1, lasciandone solo lo scheletro in ferro. Fortunatamente senza causare feriti dietro al suo passaggio. Le persone presenti al suo interno erano infatti riuscite a mettersi in fuga, trovando riparo all’interno del vicino edificio.
Senza perdersi d’animo, il capo campo, i responsabili della locale scuola di formazione piloti e dell’officina si erano subito attivati per assicurare l’operatività del piccolo scalo, evitando interruzioni e chiusure che avrebbero comportato, sicuramente, ingenti perdite finanziarie, oltre che infrastrutturali. Ci si è insomma arrangiati facendo capo agli spazi, seppur limitati, di un’aviorimessa sostitutiva nella quale garantire i necessari controlli agli aerei civili della clientela e della scuola di volo, quest’ultima in fase di crescita. In seguito è stata pure montata una tensostruttura nella quale accogliere gli aerei e proteggerli dalle intemperie.

‘Parato il colpo, ma la situazione di lavoro non è certo ottimale’

Valerio Caroni, direttore di AeLo Maintenance SA, società che cura i servizi di manutenzione degli aeromobili, conferma a ‘laRegione’ come le soluzioni provvisorie adottate immediatamente dopo il danno abbiano, in parte, permesso di parare il colpo. Ma aggiunge che, a lungo andare, la situazione sarà difficilmente sostenibile: «Di fatto dopo l’evento di luglio ci siamo arrangiati organizzando la nostra officina nell’hangar 5, che già fungeva da nostra sede d’appoggio. Abbiamo trasferito parte delle attrezzature all’interno di questa aviorimessa dove gli spazi esigui rendono, tuttavia, il lavoro assai difficile – commenta –. La tenda installata dal Cantone dinnanzi al vecchio Hangar 1 distrutto dal maltempo ci consente l’hangaraggio dei velivoli e funge, in parte, anche da deposito di materiale. Gli uffici amministrativi, invece, grazie alla disponibilità della Para Centro SA li abbiamo trasferiti nei loro stabili. Siamo, insomma, confrontati con una situazione di precarietà, con servizi e depositi sparsi un po’ ovunque. Dal punto di vista logistico, non è certo ottimale».
Una precarietà destinata ad aggravarsi, nei prossimi mesi, con l’arrivo della stagione fredda: «La vedo dura per i tecnici lavorare nell’hangar 5 il prossimo inverno, visto che non può essere riscaldato a sufficienza».
Quanto alle possibili perdite finanziarie dovute a un’operatività ridotta? «Mediamente prima dell’evento di luglio curavamo la manutenzione di una decina di velivoli a settimana. Oggi quelli che riusciamo a gestire sono circa la metà. Per fortuna che la nostra clientela ha dato prova di solidarietà e ha capito, da subito, la criticità della situazione. Solo alcuni dei nostri clienti, nei giorni immediatamente successivi al crollo dell’Hangar 1, hanno portato via i loro aerei per farli revisionare altrove. La maggior parte ci ha dato fiducia e prova di sostegno, affidandoci il lavoro. Una cosa che ci ha fatto molto piacere».

Smantellare il vecchio Hangar 1 ed edificarne uno sostitutivo per alcuni anni

Ora anche il Cantone si appresta a fare la sua parte. Il Consiglio di Stato, in effetti, più volte sollecitato, proprio nelle scorse ore ha risposto a due atti parlamentari che chiedevano lumi sulla tempistica e sui danni (superiori al milione di franchi, liquidati dall’assicurazione) subiti dal vecchio Hangar 1, unico a essere di proprietà del Cantone (gli altri sono regolati da una convenzione tra lo Stato e gli inquilini privati). Come ci riferisce Loris Bianchi, capo dei servizi generali e caposezione ad interim della Sezione amministrativa immobiliare (con funzione di “responsabile” per lo scalo locarnese), l’idea alla quale si sta lavorando è quella di smantellare quel che resta della vecchia aviorimessa (praticamente lo scheletro in ferro) e costruire, sulla piattaforma, un hangar provvisorio che possa garantire l’operatività dell’AeLo Maintenance SA per alcuni anni. Tempo durante il quale, ci è stato riferito, Cantone e AeLo SA progetteranno la nuova costruzione. Quest’ultima potrebbe, tra l’altro, anche sorgere altrove, all’interno del perimetro aeroportuale civile e non necessariamente dove si trova ora. Tutte cose che andranno affinate nell’elaborato. Quanto al credito di progettazione votato a suo tempo dal Gran Consiglio, Bianchi fa presente che era frutto di un accordo tra lo Stato e la Ruag Mro, ex inquilina. Il passaggio da quest’ultima all’AeLo, avvenuto ai primi di gennaio del 2020, ha imposto, dunque, dei cambiamenti visto che le esigenze delle due ditte non necessariamente collimavano alla perfezione. Un lavoro di comune accordo, quindi.

Quel che è certo, conclude il nostro interlocutore, è che entro il prossimo inverno l’obiettivo di dotare le aziende che ruotano attorno a questo importante servizio di spazi idonei dovrà essere raggiunto.

Leggi anche:

'Ho visto il portone vibrare e cadere dentro l'hangar'

Hangar distrutto, il Plr chiede: ‘Quando il rifacimento?’

La Ruag vende il sito di Locarno alla locale scuola di volo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
7 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
8 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
9 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
9 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
9 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
10 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
10 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
11 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
12 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved