laRegione
laR
 
06.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 13:57

Alta Vallemaggia: un Masterplan rilanciato e due grandi progetti

Con il coordinatore Timo Cadlolo il punto sulle iniziative per uno sviluppo sostenibile valorizzando il potenziale turistico, guardando alle aperture a nord e a ovest

alta-vallemaggia-un-masterplan-rilanciato-e-due-grandi-progetti
Ti-Press
Fusio, in attesa dell'apertura a nord

Certamente i due grandi progetti per l’apertura a nord (Lavizzara-Leventina) e a ovest (Bosco Gurin-Formazza), ma anche, e soprattutto prima, tutta una serie di iniziative puntuali sul territorio, promosse nell’ambito del Masterplan Alta Vallemaggia. È su questo duplice piano temporale e progettuale che si gioca il futuro della Valle. A proposito di Masterplan, la recente assemblea Ascovam – cui hanno partecipato delegati dei Comuni, dei Patriziati e delle associazioni locali – ha da una parte preso atto del consuntivo riguardante il primo triennio, e dall’altra confermato le linee guida per il quadriennio a venire (2022-26).

Coordinatore del Masterplan è Timo Cadlolo, che la “Regione” ha raggiunto per fare il punto sulla situazione. «In fase di consuntivo del primo Masterplan, a tre anni dalla partenza della fase operativa, ricordo che sono stati realizzati 24 progetti, per un investimento complessivo di 6,5 milioni di franchi. Ma già si guarda al rinnovo quadriennale. Attualmente stiamo scandagliando il territorio per raccogliere la progettualità e definire le priorità. Poi si valuterà quali progetti portare avanti e promuovere tramite strumenti come la Politica economica regionale, che sostiene iniziative in grado di creare valore aggiunto a livello locale, anche in relazione a nuovi posti di lavoro». L’invito, prosegue Cadlolo,«è aperto alle associazioni attive in valle, ai Patriziati e ai privati, cui chiediamo di farsi avanti entro fine mese, in maniera tale da poter poi capire quali sono le iniziative che meglio si inseriscono nel piano di sviluppo locale». Un dato significativo viene dalla collaborazione instaurata con altri coordinatori di Masterplan: «Con loro ci siamo interfacciati e abbiamo visto che alcune iniziative possono essere replicate in Vallemaggia. Una, molto interessante, è quella delle “aree verdi”, per la gestione dei flussi turistici».

Importante rilevare, secondo Cadlolo, che «il secondo quadriennio del Masterplan prosegue con la medesima visione, ovverosia promuovere lo sviluppo sostenibile dell’Alta Vallemaggia (il comprensorio dei 6 Comuni da Cevio in su) mediante una valorizzazione del potenziale turistico che faccia leva sul patrimonio paesaggistico locale, allo scopo di migliorare la qualità di vita della popolazione residente, stabilizzare l’evoluzione demografica e garantire la gestione del territorio». Parliamo dunque di «progetti strategici che esprimono e consolidano la vocazione turistica del territorio». Il motto, se vogliamo, è “il turismo quale strumento di sviluppo”.

Già sostenuti 24 progetti

In concreto, fra i 24 progetti sostenuti nel primo triennio ne abbiamo un paio importanti a Bosco. Uno è la slittovia “4 stagioni” promossa da Giovanni Frapolli (nella quale è stato investito un quarto circa dei 6,5 milioni di franchi); un altro è la valorizzazione del bosco sacro Bawald situato sopra il paese, con la creazione di un itinerario ben definito e supportato da materiale informativo. Dal lotto del primo triennio emerge molto altro. Cadlolo inizia ricordando «uno dei “progetti faro” del quadriennio, che è lo sviluppo della Via Alta Vallemaggia. Oltre a creare un itinerario che abbraccia l’intero Distretto e ha dei punti di contatto con le valli limitrofe Verzasca, Bedretto, Onsernone e Formazza, mette in rete le strutture ricettive, invitando a vivere esperienze di più giorni in valle, per un contatto più duraturo con il territorio». Da segnalare anche la ristrutturazione e la valorizzazione turistica della Cà Vegia a Cerentino – un progetto promosso da privati e sostenuto dall’Apav –, l’iniziativa promossa dall’Associazione ValMagìa (oggi presieduta da Brunella Ribeiro Ghizzardi, ricordando la figura della compianta prima presidente Gaby Minoggio), ma anche, a confermare l’occhio di riguardo verso le giovani generazioni, il supporto dato alla realizzazione della nuova stalla del giovane contadino di Cevio Matteo Ambrosini.

Collegamento alpino trasversale

Ma al netto di questa serie di progetti, e dei molti altri promossi e sostenuti nel recente passato e che lo saranno nel prossimo futuro, l’immaginario collettivo è orientato alla futuristica doppia apertura a nord e a ovest dell’Alta Vallemaggia, che determinerà un cambiamento delle condizioni quadro in cui operano gli attori economici della Valle. I due grandi progetti sul piatto sono da una parte il collegamento Lavizzara-Leventina e dall’altra il traforo Bosco-Formazza, che abbatterebbe da circa 170 km a 6 la distanza fra una località e l’altra. Partendo da quest’ultimo, venerdì 29 ottobre alle 18 si terrà alle Scuole medie di Cevio una serata di informazione pubblica promossa da Giovanni Frapolli. L’obiettivo: presentare il risultato dello studio sull’impatto economico commissionato dallo stesso Frapolli a Bak Economics. Stando a quanto affermato all’assemblea Ascovam dal presidente Michele Rotanzi, «le prime indicazioni emerse sono positive», il che potrebbe fornire un assist decisivo per una concretizzazione dell’anelata opera, con tutte le ricadute turistiche ed economiche immaginabili. Quanto all’altro collegamento, il Lavizzara-Leventina a nord, sono in corso approfondimenti. «Si tratta, in entrambi in casi, di progetti importantissimi, che vanno a coinvolgere gli attori dell’economia privata – considera Cadlolo –. Se c’è una caratteristica che penalizza la Vellemaggia, è proprio la sua chiusura. Qui si parla di una doppia apertura verso Piemonte, Lombardia e Vallese da una parte, e verso il mercato più tradizionale della Svizzera interna dall’altra. Si andrebbe a creare un asse di collegamento alpino trasversale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
16 min
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
41 min
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
1 ora
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
1 ora
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
2 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
2 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
Bellinzonese
3 ore
‘Nevica bene, ma dovrà restare freddo per poter sciare dal 17’
Alto Ticino e Moesano, i responsabili delle stazioni invernali sono fiduciosi. A Campo Blenio e San Bernardino si parte forse già il prossimo weekend
Bellinzonese
3 ore
In crescita il numero di visitatori al museo Sasso San Gottardo
Un successo le esposizioni tematiche e la nuova sala del silenzio, che verrà riproposta con sessioni regolari anche durante la prossima stagione
Grigioni
5 ore
Frana in Calanca: ‘Ancora pericolante, presto per intervenire’
Mentre la strada resta bloccata dai 150 metri cubi scesi domenica, prima dello sgombero i tecnici devono verificare la stabilità dei 450 fermatisi sopra
Luganese
6 ore
Pura, chiesti 4 anni per la donna che accoltellò il marito
La 35enne è accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che ha contestato, ritenendo di averlo colpito per difesa e senza intenzione di ferirlo
© Regiopress, All rights reserved