laRegione
05.10.21 - 09:28
Aggiornamento: 11:25

Nuovi crediti per il Parco del Piano di Magadino

Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio. Chiesti un credito quadro d’investimenti di 2’231’400 franchi e un credito di gestione di 488’860 franchi

nuovi-crediti-per-il-parco-del-piano-di-magadino
(Ti-Press)

Un credito quadro d’investimenti di 2’231’400 franchi e un credito di gestione di 488’860 franchi. Questo il contenuto del messaggio licenziato dal Consiglio di Stato riguardo i finanziamenti cantonali al Parco del Piano di Magadino (PPdM) nel periodo 2021-2024.

Il Piano di utilizzazione cantonale del Parco (PUC-PPdM) è stato approvato dal Gran Consiglio nel 2014 mentre la Fondazione del Parco del Piano, chiamata ad attuare le misure del PUC è stata istituita in novembre 2016. Il Consiglio di Fondazione è composto da 17 membri, in rappresentanza dal Cantone, dai Comuni interessati territorialmente dal Parco, dal Consorzio correzione fiume Ticino, dagli Enti regionali per lo sviluppo del Locarnese e Bellinzonese e Valli, dalle Organizzazioni turistiche Lago Maggiore-Valli e Bellinzona-Alto Ticino, dalle associazioni agricole (ASCEI e UCT) e di protezione dell’ambiente (WWF).

Il Parco occupa più della metà della superficie del Piano di Magadino, ossia 2’360 ettari di spazio agricolo e naturalistico che si estendono lungo il fiume Ticino, dalla foce della Morobbia fino alle Bolle di Magadino, per una lunghezza di ca. 11 km e una larghezza di ca. 2 km. L’importanza del Parco nella valorizzazione del territorio non si limita all’area strettamente interessata dal PUC; essa si estende, in effetti, a tutto il territorio che lo circonda, al quale è intimamente legato.

Il primo quadriennio di attività del Parco (2017-2020) è stato caratterizzato da attività di organizzazione della struttura operativa e di avvio dei progetti, in particolare in ambito naturalistico (risanamento e interventi di valorizzazione e manutenzione di biotopi, provvedimenti per la tutela di specie particolari), di gestione del progetto d’interconnessione, di coordinamento tra le aziende agricole, di sostegno al programma di fattoria aperta e a sistemi colturali interessanti per la biodiversità, di lotta contro le neofite invasive, di realizzazione di postazioni di bike sharing, nonché di attività relative all’informazione.

Il programma di lavoro per il quadriennio 2021-2024 prevede in particolare attività di gestione in ambito di interventi sulla rete dei sentieri e dell’organizzazione regolare di una festa del Parco. Sul fronte degli investimenti sono annunciati progetti di valorizzazione paesaggistica, di sostegno all’agricoltura, di valorizzazione dei biotopi e della biodiversità, di risanamento di siti inquinati e lotta contro le neofite, di sviluppo e sistemazione dell’offerta di svago di prossimità, di migliorie degli accessi al Parco (trasporti pubblici e mobilità sostenibile) e di comunicazione.

Il totale dei costi di gestione previsti ammonta a 1’243’400 franchi, i cui finanziamenti sono coperti per ca. 39 % ciascuno da Cantone e Comuni del Parco, ca. 18% dalla Confederazione e ca. 3% da terzi.

Per quanto concerne gli investimenti, sono previste spese per un totale di 5’865’000 franchi, finanziati per ca. 38% dal Cantone, 25% dai Comuni del Parco, 33% dalla Confederazione e 4% da terzi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
5 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
6 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
7 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
7 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
7 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
8 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
8 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
9 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
10 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved