laRegione
caso-la-palma-la-difesa-omicidio-colposo-e-rimessa-in-liberta
Ti-Press
Gli avvocati difensori Yasar Ravi e Luisa Polli
22.09.21 - 12:21
Aggiornamento: 16:31

Caso ‘La Palma’, la difesa: ‘Omicidio colposo e rimessa in libertà’

Yasar Ravi e Luisa Polli ridimensionano le responsabilità del 32enne accusato della morte della 22enne all’albergo La Palma di Muralto

«Che l’imputato non sia uno stinco di santo è un dato acquisito, ma questo non dimostra che sia in grado di assassinare qualcuno». Con queste parole l’avvocato Luisa Polli, per conto della difesa, ha aperto l’arringa difensiva a favore del 32enne cittadino germanico accusato per la morte della 22enne inglese nella stanza 501 dell’albergo “La Palma” di Muralto. Arringa che si è chiusa oltre tre ore dopo con la richiesta, formulata pochi minuti fa dal collega Yasar Ravi, di una condanna non per assassinio, ma per omicidio colposo, con la conseguenza che l’uomo tornerebbe immediatamente libertà: «Gli oltre due anni di carcere già sofferto – ha detto Ravi – già compensano ampiamente la sua colpa». Stando alla difesa, dunque, la morte della ragazza fu causata dall’asfissia provocata da un gioco erotico finito male, e non da uno strangolamento fine a se stesso con movente economico, così come indicato dalla pubblica accusa per giustificare una richiesta di pena di 19 anni e 6 mesi di detenzione.

«Ipotesi, intuizioni e pregiudizi in un’aula di tribunale non bastano – ha sottolineato Polli –. Ci vogliono riscontri oggettivi. Bisogna condannare l’imputato se risulta colpevole, non se si presume possa esserlo. La colpevolezza va stabilita oltre ogni ragionevole dubbio».

Polli ha ripercorso la storia d’amore fra imputato e vittima, sbocciata per caso in Thailandia fra fine gennaio e inizio febbraio 2019, durata due mesi in vacanza «frequentandosi 24 ore su 24 per due mesi» e proseguita fino al fatidico soggiorno a Muralto, terminato in dramma nella notte del 9 aprile. La difesa ha smentito il movente finanziario e chiesto alla Corte di riconoscere che la vittima era solita praticare del sesso estremo già prima di conoscere l’imputato, il che rende appunto credibile la tesi del gioco erotico «sostenuta fin dal primo momento dell’imputato».

In arringa è poi subentrato Yasar Ravi, che ha ripercorso i fatti dal rientro in camera della coppia verso le 2.30 del mattino, fino agli allarmi e al rinvenimento del cadavere, avvenuto circa 4 ore dopo. «Entrambi erano ubriachi, specialmente lui. Basti dire che alle 6 gli era stato riscontrato un tasso alcolemico variante fra l’1.06 e l’1.75 per mille. Quanto al presunto litigio, fu niente più di una banale discussione, un battibecco motivato dal fatto che lei voleva rimanere in giro, mentre lui no. Lei parlava di più e a voce alta, lui a voce bassa, quasi piagnucolando. Si è detto poi che la camera fu trovata in estremo disordine: innanzitutto ordine e disordine sono soggettivi, e comunque va ricordato che la coppia viaggiava con ben 6 valigie e si era trasferita nella camera 501 solo il pomeriggio precedente».

Ma la domanda definita «essenziale» è se ci furono o meno rapporti sessuali quella notte. «L’accusa li nega, ma le analisi della polizia scientifica dimostrano senza alcun dubbio che invece ci furono eccome. Le tracce di sperma ritrovate un po’ dappertutto sulla vittima e nella stanza sono inequivocabili».

Tutto ciò, per il legale di difesa, «ci fa escludere anche l’ipotesi di omicidio intenzionale in assenza di rapporti intimi. Questo reato richiede coscienza e volontà; l’autore deve sapere dell’esistenza del rischio di causare la morte ma si assume la responsabilità di continuare nel suo agire. Nel caso specifico il nostro cliente era sicuramente consapevole che c’era un rischio, ma l’asfissia erotica era stata praticata già svariate altre volte con la vittima. Il confine fra ciò che determina il piacere e ciò che determina la morte è spesso sottile. Il rapporto complementare richiesto all’Università di Losanna dal Ministero pubblico sottolinea che i decessi per strangolamento erotico arrivano in modo improvviso e imprevisto».

Leggi anche:

'Caso La Palma', la procuratrice va in Germania

Giallo di Muralto, il 30enne è in esecuzione anticipata della pena

‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise criminali locarno la palma luisa polli muralto omicidio processo yasar ravi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman
Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
4 ore
Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl
Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Luganese
7 ore
Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce
In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
7 ore
Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura
Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Locarnese
9 ore
Incidente a Maggia: si cercano testimoni
Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
14 ore
Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Luganese
1 gior
Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina
Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Ticino
1 gior
Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
1 gior
Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati
Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Locarnese
1 gior
Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici
Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
© Regiopress, All rights reserved