laRegione
13.09.21 - 15:07
Aggiornamento: 19:53

‘Messaggio inviato, ora la bandiera si può anche togliere’

Il Municipio di Locarno fa rimuovere il vessillo arcobaleno della campagna per il ‘Matrimonio per tutti’. ‘Comunque, favorevoli alla modifica legislativa’

messaggio-inviato-ora-la-bandiera-si-puo-anche-togliere
Ti-Press
Manca qualcosa...

Il messaggio è arrivato, la bandiera si può anche togliere. È il succo della decisione del Municipio di Locarno di rimuovere da uno dei pennoni di Palazzo Marcacci la bandiera arcobaleno che sostiene la campagna per il “Matrimonio per tutti”, al voto popolare federale il 26 settembre.

In una nota, lo annuncia la Città non senza confermare di “essere favorevole alla modifica legislativa”. Ma proprio poiché ritiene che il messaggio verso la popolazione sia ormai stato recepito, la bandiera può tornare in un cassetto. La decisione non è probabilmente del tutto estranea al ricorso inoltrato da un privato cittadino contro l’esposizione della bandiera a Locarno e ad Arogno, gli unici due Comuni ticinesi (sui 108 contattati) che avevano raccolto l’invito del coordinamento della campagna nazionale.

L’esposizione del vessillo era stata decisa a maggioranza dalla compagine municipale “per dare un segnale contro ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale delle persone”, sottolinea Locarno. La scelta era stata operata anche da altre città svizzere, fra cui Ginevra e Losanna. L’esecutivo di Locarno “non voleva con questa decisione urtare la sensibilità di nessuno, bensì ribadire la sua opposizione a qualsiasi forma di discriminazione in quest’ambito”. Tanto più che “Palazzo Marcacci è anche la sede dove si celebrano i matrimoni civili e dove è stata ufficializzata la prima unione domestica registrata della Svizzera il 2 gennaio 2007”.

Contro la decisione, per altro, è stato interposto un ricorso al Consiglio di Stato. A questo proposito “l’esecutivo auspica potrà portare a una decisione formale di un tribunale che chiarirà quali siano i margini di manovra di un organo democraticamente eletto nell’ambito di una votazione popolare avente per oggetto una modifica legislativa di ordine superiore”. Secondo informazioni raccolte dalla “Regione”, sia Locarno, sia Arogno sono state invitate dal Servizio ricorsi del Consiglio di Stato a prendere posizione sull’esposizione della bandiera e lo dovranno fare entro martedì. Il ricorrente aveva per altro chiesto al governo di evitare scambi di allegati per evitare che la decisione arrivasse quando non sarebbe più servita, ovverosia dopo il 26 settembre.

Il Municipio si dice infine “consapevole che su questa tematica vi sia un importante dibattito e ha tenuto conto delle varie sensibilità espresse. Il messaggio che si voleva lanciare, ovvero quello dell’opposizione a qualsiasi forma di discriminazione basta sull’orientamento sessuale, è stato raggiunto”.

Leggi anche:

Bandiere arcobaleno, c'è vento solo a Locarno e ad Arogno

Bandiere arcobaleno, è arrivato il ricorso al governo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
3 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
5 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
8 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
8 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
8 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
16 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
16 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
17 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
17 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
© Regiopress, All rights reserved