laRegione
bosco-sono-gli-impianti-ad-assicurare-gli-introiti
19.08.21 - 21:150

Bosco, ‘sono gli impianti ad assicurare gli introiti’

Lo Sci club scrive a Comune, Patriziato e Centri turistici montani per ricordare l'importanza, per l'economia locale, dell'offerta invernale di Giovanni Frapolli

“A Bosco Gurin la parte del leone, per quel che riguarda non solo la promozione dell'immagine del villaggio bensì anche le ricadute economiche per la comunità locale, la fanno gli impianti invernali di Giovanni Frapolli. Piaccia o meno, questa è la verità”. Di questo ne è fermamente convinto lo Sci club Bosco Gurin, che per bocca del suo presidente, Giacomo Gobbi e del membro di comitato Marco Corvi, si rivolge, tramite lettera, al Comune di Bosco Gurin, al Patriziato, alla Centri turistici montani SA e alle varie associazioni attive in paese.

L'indotto finanziario maggiore non arriva dal Walserhaus

Siccome l'emergenza sanitaria non ha consentito di organizzare l'assemblea annuale, i due vertici del Comitato hanno comunque ritenuto opportuno far sentire la voce di un sodalizio particolarmente dinamico e attivo, interpretando anche il parere dei numerosi membri. Lo dimostra, come ricordano gli stessi nello scritto, l'organizzazione, in oltre 75 anni di attività, di un numero incalcolabile di eventi (sportivi e non); dai Campionati Svizzeri alle gare Fis, dalle sfide per le famiglie alle competizioni regionali, per non citare che le più ricorrenti e importanti in ambito, ovviamente, sportivo. “Queste manifestazioni – osservano i due – hanno permesso di dare lustro e far conoscere Bosco Gurin ai visitatori dentro e fuori i confini nazionali”. Alcuni membri dello Sci club, inoltre, attivi in politica a livello locale, si sono prodigati per conservare l'ufficio postale e il negozio Coop in paese, minacciati di chiusura.

Secondo loro, è però solo grazie al richiamo turistico creato dalle piste da sci che il villaggio walser ha potuto svilupparsi anche dal punto di vista abitativo (generando, indirettamente, lavoro per le aziende e gli artigiani della zona). Senza voler mancare di rispetto a chi non condivide i progetti di sviluppo di Giovanni Frapolli, lo Sci club rileva “come l'indotto finanziario maggiore non sia portato dal Museo Walserhaus, al quale va tutta la stima del caso, bensì dagli impianti invernali”.

Cantone e istituzioni regionali intervengano per evitare la chiusura

Preoccupati per le polemiche scoppiate, lo scorso inverno, tra l'impresario bellinzonese alla testa della Centri Montani SA e il locale Patriziato, il sodalizio sportivo auspica un intervento del Cantone e delle istituzioni regionali per appianare le divergenze e creare una struttura in grado di garantire continuità a quanto realizzato sin qui. Un'eventuale chiusura degli impianti sarebbe un colpo letale per la destinazione walser  (e pure per l'intero cantone, viste le risorse finanziarie assicurate, negli ultimi decenni, a favore della località della Rovana). “Un eventuale smantellamento degli skilift e delle seggiovie non potrà che essere, a quel punto, imputabile a quelle persone o enti che hanno ostacolato i progetti dell'imprenditore bellinzonese Giovanni Frapolli”.

Lo stesso Sci club, in conclusione, fa sapere che continuerà a impegnarsi, come fatto fino a ora, per promuovere manifestazioni e sostenere progetti a favore dei domiciliati e degli ospiti del paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio
Mendrisiotto
2 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
2 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
9 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
9 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
9 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
17 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile