laRegione
ronco-e-mancato-un-piano-di-gestione-del-traffico
16.08.21 - 15:31
Aggiornamento : 16:56

Ronco, ‘è mancato un piano di gestione del traffico‘

Paolo Senn, sindaco e vigile improvvisato, torna sul problema della chiusura della litoranea (riaprirà probabilmente domani sera) e il caos viario creatosi in paese

Riaprirà verosimilmente domani sera, con la posa di un semaforo che garantirà il transito nelle due direzioni di marcia a senso alternato, la strada litoranea Ascona-Brissago, interrotta da sabato a causa di una frana che ha ostruito la carreggiata in località Moscia. In queste ore sono in corso le verifiche sulla tenuta del pendio, con il disgaggio di materiale ancora pericolante (in particolare un masso di notevoli dimensioni); poi occorrerà rifare il cordolo e posare la nuova barriera di protezione lungo il tratto danneggiato. Ce lo ha riferito Paolo Senn, sindaco di Ronco s/Ascona, che venerdì sera, con alcuni suoi concittadini, si è improvvisato vigile del traffico. Sì perché la chiusura dell'arteria ha costretto molti automobilisti a ricorrere al collegamento collinare, tra Arcegno (o il Monte Verità) e Ronco per raggiungere la propria destinazione. Proprio a Ronco, la situazione dal punto di vista viario è subito collassata. «Il problema di fondo – afferma Senn – è che la nostra regione non dispone di un piano di gestione delle emergenze viarie con le principali istruzioni operative. Un piano che permetterebbe, in poco tempo dall'allarme, di piazzare agenti (di polizia o delle ditte di vigilanza) e segnaletica nei punti critici, per intenderci. Si va a naso e questo evidentemente poi crea disagi e caos sui percorsi alternativi».

Informare automobilisti e turisti già in autostrada con i pannelli

Di esempi, nelle lunghe ore passate a gesticolare nel tentativo d'indirizzare gli automobilisti nel miglior modo possibile, Paolo Senn ne ha raccolti a iosa: «Ancora dopo ore dall'accaduto sono arrivati nelle strette strade di Ronco s/Ascona grossi autobus provenienti dalla Germania e auto che trainavano lunghe imbarcazioni. Potete capire che quadro! Vetture imbottigliate, manovre a non finire, nervi tesi. C'è stata gente che ha impiegato due ore per giungere da Brissago a Losone! Mi chiedo: ma perché, a livello di segnaletica, già sull'autostrada prima di Bellinzona (come pure oltre confine, a Verbania o Fondotoce), non vengono comunicati, sui pannelli, le criticità e i percorsi alternativi da seguire in casi come questi? Senza un indirizzo chiaro soprattutto i mezzi pesanti si avventurano su strade di piccolo calibro dove poi spesso rimangono bloccati e creano code. Specificatamente, andrebbe dunque indicata agli utenti un’uscita alternativa
autostradale o su viabilità ordinaria, consigliata per by-passare gli ostacoli e favorire il decongestionamento del traffico».

Nei punti critici occorre piazzare personale pratico dei luoghi

Altra nota dolente, sempre secondo il sindaco ronchese, la mancanza di conoscenze del territorio da parte di molti agenti delle ditte private inviati sul posto:«Sono purtroppo spesso un po' spaesati e il non essere pratici della realtà in cui sono catapultati a operare, anche se solo per alcune ore, sicuramente non è loro di aiuto. Ci vogliono persone informate e meglio coordinate. Questo è sicuramente un discorso da affrontare con le autorità dei comuni, i rispettivi corpi di polizia e tutti gli enti preposti (come il Servizio manutenzione strade del Cantone e i soccorsi in generale). Bisogna assolutamente fare in modo che simili pasticci non abbiano più a verificarsi in futuro. Ne va anche, non da ultimo, dell'immagine che diamo ai nostri ospiti". 


 

Leggi anche:

Ascona, sempre chiusa la strada litoranea

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caos viario chiusura gestione paolo senn ronco s/ascona sindaco strada litoranea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’
L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Locarnese
6 ore
Giallo di Solduno, indagini a tutto campo
Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
6 ore
Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico
La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
7 ore
L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’
L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
7 ore
Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia
Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Mendrisiotto
7 ore
Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice
Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Bellinzonese
7 ore
Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola
La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
7 ore
Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar
Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Bellinzonese
8 ore
Galleria del Gottardo chiusa per incidente con feriti
Le collisioni intorno alle 14.15 nella parte urana del traforo. Tunnel chiuso fino a nuovo avviso
Locarnese
13 ore
Globus e botteghe Varenna a Locarno, progetto pronto
Proposte ad ampio respiro per gli edifici affacciati su Largo Zorzi: negozi, appartamenti, terrazza, percorso pedonale e un boutique hotel
© Regiopress, All rights reserved