laRegione
bosco-gurin-al-lavoro-per-una-crescita-armoniosa
laR
 
16.08.21 - 16:42
Aggiornamento: 19:12

Bosco Gurin, al lavoro per una crescita armoniosa

Dopo le polemiche dello scorso inverno le varie associazioni e realtà istituzionali del villaggio walser si sono incontrate per un confronto sui progetti futuri

“I guriner sono al lavoro per il futuro di Bosco Gurin”. Lo assicura Egidio Bronz, presidente del Patriziato di Bosco Gurin. Ente che, proprio la scorsa primavera, lo ricordiamo, in pieno conflitto con il gestore degli impianti di risalita e delle strutture ricettive, Giovanni Frapolli, aveva lasciato intendere che lo sviluppo della località turistica della Rovana doveva passare da una progettualità meno invasiva e impattante rispetto a quanto programmato e realizzato, sin qui, nella località walser.

Quel lavoro portato avanti lontano dai riflettori mediatici

“In paese – prosegue – esistono da anni numerose associazioni che, accanto a Comune e Patriziato, si occupano della salvaguardia e gestione del territorio e delle sue tradizioni in modo discreto e commisurato alle caratteristiche del luogo; queste attività hanno dato e danno occasioni di lavoro ai Guriner. I numerosi traguardi raggiunti e gli attuali progetti non sono forse noti a tutti, per questo motivo la nostra “Associazione per Bosco Gurin – ApBG” ha pensato di rendere pubbliche alcune importanti informazioni”.

La cultura walser, patrimonio dell'Unesco

Vediamole, di seguito: “grazie alla volontà dei boschesi sono ancora presenti i principali servizi e grazie alla cura del territorio e del patrimonio edificato, quest’anno il villaggio è entrato a far parte della cerchia dei comuni svizzeri che possono sfoggiare il label dei "Borghi più belli della Svizzera". L’Associazione Walserhaus si occupa dello studio, della salvaguardia e della promozione della cultura walser. È stata fondata nel 1936 e in essa sono rappresentati Municipio, Patriziato, Gruppo Costumi e Associazione Paesaggio Bosco Gurin. Nel 2021 il suo Museo Walserhaus è stato insignito del premio Europeo Meyvaert per la sostenibilità. Il prossimo ambizioso e importantissimo obiettivo è l’iscrizione, unitamente a tutte le comunità Walser dell’arco alpino, della cultura Walser nel patrimonio immateriale Unesco. La presentazione dei dossier è prevista per l’estate 2022".
Ma non è tutto, poiché va riconosciuto merito pure "all’Associazione Paesaggio, fondata nel 2007, che ha fra i suoi scopi la conservazione del patrimonio naturale, artistico e architettonico, così come il restauro e il recupero e la valorizzazione degli edifici e dei manufatti presenti sul territorio. In 14 anni di attività ha investito una cifra di 3 milioni di franchi nei suoi progetti i cui benefici sono andati a favore dei guriner anche in termini finanziari. Tutti i progetti sono a completo beneficio della popolazione e del paese, delle attività agricole e commerciali, delle abitazioni secondarie e delle strutture turistiche".

La tavola rotonda per trovare una via di sviluppo condivisa

Nel mese di giugno, aggiunge Egidio Bronz, “la nostra associazione ha organizzato una prima “Tavola Rotonda” alla quale erano presenti tutti gli enti della comunità di Bosco Gurin quali Municipio, Patriziato, Museo Walserhaus, Gruppo Costumi, Parrocchia, Associazione Paesaggio, Associazione Durga, Sci Club Bosco Gurin e Scuola Svizzera di Sci e Snowbord Bosco Gurin. Questo processo di valutazione, discussione e sviluppo è accompagnato da Claudio Rossetti, esperto nel settore dei progetti culturali e turistici. Durante l’incontro si sono confrontate le diverse visioni e i possibili scenari per il futuro. Nei prossimi mesi sono previsti incontri con la popolazione, i proprietari d'immobili, gestori degli impianti di risalita e tutti gli interessati per costruire, assieme, un futuro sostenibile”.

 

Leggi anche:

Bosco Gurin, 'il monopolio crea una situazione malsana'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco gurin cultura walser giovanni frapolli
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno
Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Ticino
8 ore
Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza
Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Luganese
9 ore
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
13 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
13 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
13 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
16 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
19 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
19 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
© Regiopress, All rights reserved