laRegione
laR
 
02.08.21 - 21:44

Intragna, un concorso che accende le polemiche

Il bando per la fornitura di cippato alla centrale termica oggetto di un ricorso da parte del Patriziato di Losone. Il CdA conferma la bontà dei criteri adottati

intragna-un-concorso-che-accende-le-polemiche

Un concorso per la fornitura di cippato di legna che ha fatto venire il mal di pancia a più di un titolare di aziende forestali della nostra regione. Quello bandito dalla Centovalli E Più SA (committente) lo scorso mese di giugno (pubblicato sul Foglio ufficiale) e oggetto di un ricorso da parte del Patriziato di Losone, dal quale dipende la locale Azienda forestale (Afor). La gara di appalto (soprattutto in fase di capitolato), in sintesi, è sembrata “poco chiara” e discriminante a detta di alcuni professionisti del ramo che vi hanno preso parte. Secondo gli interpellati, diversi punti del bando sembrano predisposti ad arte per favorire un'azienda a scapito di altre. La fornitura del cippato di legna (si parla di circa 2500 metri cubi all'anno) fino a ora era garantita dalla Filiera del legno locarnese SA, alla quale erano affiliate, in quote identiche, 7 ditte (piccole e medie) della regione. Un progetto, quello della Filiera, creato allo scopo di valorizzare, trasformare e promuovere la vendita di legname indigeno nonché la creazione di piazze di deposito e l'acquisto di macchinari. Per varie ragioni che non stiamo a elencare, l'idea non ha funzionato. La stessa Filiera è stata sciolta. Cronaca di questi mesi.
Pomo della discordia in questa gara soggetta alla Legge sulle commesse pubbliche, come anticipato, sono alcuni criteri d'aggiudicazione parsi, agli occhi dei più, tendenziosi. Lo conferma il titolare di una seconda azienda forestale da noi interpellato, che tra l'altro fornisce tra i 4 e i 5mila metri cubi di legname a centrali termiche in Ticino e nei Grigioni ogni anno: «Chiedono cose “stratosferiche” con standard insensati e fuori portata che nemmeno ti consentono di concorrere – commenta – È evidente che così facendo hanno voluto escludere dai giochi alcuni a scapito di altri. Fanno ad esempio stato, nell'assegnazione dei punteggi, la disponibilità di un capannone di mille metri cubi di capienza o un numero minimo di dipendenti (tagliando automaticamente fuori dal discorso coloro che ne hanno pochi). Ridicola appare poi la ponderazione del prezzo al 45%, tenuto presente che la Centovalli E Più SA chiude sempre l'anno con disavanzi; sembra dunque un controsenso. Ci sono insomma troppi punti del capitolato da rivedere. Ed è questo che il ricorso inoltrato dal Patriziato di Losone, sostenuto anche dal sottoscritto, chiede».

'Procedura corretta, tra i criteri non solo i costi bensì la qualità'

Invita a relativizzare il problema e risponde alle osservazioni critiche Axel Benzonelli, presidente del CdA della Centovalli E Più, il quale sottolinea innanzitutto come «quello delle procedure d'appalto, in generale, sia uno dei tanti temi in grado d'innescare polemiche. Gli esempi non mancano certo. Nel nostro caso, ci sarà un tribunale che deciderà al riguardo. Abbiamo allestito un capitolato quadriennale corretto (parliamo di un importo complessivo sui 100mila franchi annui), nel quale i criteri di costo e qualità rivestono grandissima importanza. Soprattutto sulla qualità non possiamo scendere a compromessi. Lo abbiamo constatato in questi primi anni quanto essa sia indispensabile per il buon funzionamento e l'ottimale resa calorica della caldaia».
Ricordiamo che il calore prodotto dalla centrale a cippato situata in zona Vallare viene distribuito, tramite una rete di teleriscaldamento, a una sessantina di utenti. Ne beneficiano privati residenti nel nucleo di Intragna ed edifici pubblici quali la casa Anziani Fondazione San Donato e le scuole. Una volta ultimata la ristrutturazione verrà allacciata al teleriscaldamento anche la futura, rinnovata, Casa comunale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
20 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved