laRegione
14.07.21 - 17:20

Indemini, sul Colle Sant'Anna anche il vescovo

Dopo la pausa del 2020, torna la tradizionale sagra popolare

indemini-sul-colle-sant-anna-anche-il-vescovo
Una delle scorse edizioni

Dopo un anno di pausa per la pandemia di Covid 19, il gruppo manifestazioni Indemini–Sant'Anna ripropone la tradizionale sagra sul Colle di Sant'Anna (a 1342 metri di altezza) che a ogni edizione porta in quota molti appassionati della montagna l’ultima domenica di luglio.
Domenica 25 luglio sarà però una giornata molto particolare perché, oltre agli affezionati partecipanti, sul colle sopra Indemini sarà ospite anche il vescovo Valerio Lazzeri, che presiederà la messa solenne accompagnato dal vicario generale Nicola Zanini. Il vescovo quel giorno avrà dunque la possibilità di visitare uno dei luoghi più caratteristici della regione del Gambarogno. Il Colle di Sant'Anna infatti è una piccola radura circondata da faggi: al centro si erge l’Oratorio della Madonna del Monte o di Sant’Anna al quale è annesso un rifugio sempre aperto per ospitare gli escursionisti. Il gruppo organizzatore della sagra ogni anno effettua dei lavori di miglioria nei pressi dell’edificio, per rendere sempre più accogliente questa meta molto frequentata.
L’ultima domenica di luglio il programma sarà dunque il seguente: alle 9 aprirà la fornita buvette; alle 11 verrà celebrata la messa solenne dal vescovo di Lugano alla quale farà seguito la processione; alle 12.30 i cuochi distribuiranno polenta, spezzatino, gorgonzola o latte cucinati sul posto e nel primo pomeriggio verrà estratta la lotteria con ricchi premi.
Tutta la giornata sarà allietata dalla Bandella dei Soci.
Il colle di Sant'Anna è raggiungibile a piedi da Indemini (1 ora), dall’Alpe di Neggia (2 ore) o dai Monti di Gerra e Vairano (1.30 ore). Sarà possibile, senza bisogno di prenotazione, salire e scendere in elicottero dalla piazza di volo sopra il villaggio di Indemini con partenza dalle 8.30 alle 11.00 e rientro alle 15.30. I prezzi del volo, per adulti e bambini dai tre anni, sono: sola andata o solo ritorno 30 franchi, andata e ritorno 45 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
4 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
6 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
6 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
6 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
11 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
11 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved