laRegione
06.07.21 - 17:34
Aggiornamento: 19:35

Losone, ex Caserma: ‘Se ricorriamo, è anche per prendere tempo’

Dopo la doccia fredda della bocciatura del Tribunale amministrativo, il Comune chiede un incontro al Consiglio di Stato e intanto pensa a soluzioni transitorie

losone-ex-caserma-se-ricorriamo-e-anche-per-prendere-tempo
Il termine per presentare ricorso alle sentenze del Tram scade il 22 agosto prossimo (foto Ti-Press)

«Non abbiamo ancora deciso se ricorrere. Presumo lo faremo. Si ricorre anche per prendere tempo. Se caso, chiederemmo un effetto sospensivo», afferma il vicesindaco di Losone Fausto Fornera quando gli si domanda come il Comune intenda procedere nella faccenda del comparto dell’ex Caserma – acquisito nel 2017 – dopo la doppia bocciatura sentenziata dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram), lo scorso giugno. Il termine per ricorrere contro le decisioni dell’istanza scade il 22 agosto.

Data la forte valenza culturale del progetto per l’intera regione, spiega Fornera, «stiamo valutando tutti gli aspetti». Questo anche per tener fede agli accordi presi con l’Accademia Dimitri sul suo insediamento nel comparto e lo svolgimento di attività già in corso. Di certo c’è la volontà delle parti, consolidata anche da un loro recente incontro, di portare a compimento il progetto, garantendo stabilità. Nel frattempo, «siamo alla ricerca di soluzioni transitorie, sia facendo capo alle risorse del Comune, sia rivolgendoci a enti pubblici e privati». Ma tutto è ancora informe e ipotetico, sottolinea un vicesindaco che non si sbottona.

Al primo piano della casa comunale, si sarebbe dovuto parlare dei messaggi municipali che impegneranno il legislativo in seduta straordinaria lunedì prossimo (si legga in calce), ma il tema caldo della pianificazione del comparto dell’ex Caserma – invero travagliata – non poteva non scalzarli. Soprattutto dopo il brutto colpo delle sentenze del Tram, che bocciano la variante di Piano regolatore (Pr) – approvata dal Consiglio comunale prima, e confermata dal Consiglio di Stato (CdS) poi – e anche il "sistema" delle autorizzazioni provvisorie per l’uso degli spazi, che il Municipio ha finora concesso (cfr. ‘laRegione’, martedì 22 giugno 2021, Ex Caserma, Pr sotto il Tram). Forti del preavviso favorevole del CdS «eravamo molto fiduciosi», confida Fornera. Poi la doccia fredda, che ha lasciato intirizzito non solo l’ente locale, bensì anche la regione e il Cantone e che potrebbe veder sciacquato via il disegno di un polo culturale di rilevanza regionale.

Appigli per ribaltare la situazione

La questione era quindi inevitabile e dopo un primo «non c’è nessuna novità sostanziale», il vicesindaco spiega che, in seguito alle sentenze, il Comune ha deciso di coinvolgere il Consiglio di Stato chiedendo un incontro «per trovare appigli che facciano sperare nel ribaltamento della situazione».

L’obiettivo dell’udienza è senz’altro quello di capire se fare ricorso, ma soprattutto, vedere come andare avanti e quali margini di manovra ci sono per rendere lo spazio fruibile alla popolazione, nonché disponibile agli attori culturali. In particolare, si vogliono rendere partecipi il Dipartimento del territorio e quello dell’Educazione, della cultura e dello sport.

Nel caso in cui le speranze svaniscano o le sentenze crescano in giudicato, allora sarà il presidente del Consiglio di Stato ad assegnare i termini temporali di sgombero. E ci sarà chi spererà in un tempo più lungo possibile.

Chiesti oltre 600mila franchi per lavori sulla viabilità

Il problema è impellente e desta preoccupazione non solo in Comune. Ed è molto probabile che il discorso salti fuori anche durante la seduta straordinaria in consiglio comunale di lunedì 12 luglio (alle 20, al Centro la Torre), vero motivo della convocazione della conferenza stampa di oggi.

I consiglieri comunali saranno confrontati con quattro messaggi municipali all’ordine del giorno. Tutti è quattro comportano richieste di credito per opere di viabilità, interventi selvicolturali e l’acquisto di un veicolo ibrido per la polizia comunale. In particolare, come illustrato dal municipale Daniele Pidò, capodicastero Opere pubbliche, i due messaggi inerenti lavori sulla viabilità chiedono oltre 600mila franchi: 335mila per la sistemazione in superficie di via Vigna Francesconi (una riqualifica), vicina alla nuova casa per anziani medicalizzata, e 290mila per la formazione del marciapiede in via Lusciago e la sistemazione della piazza Belvedere. Una riqualifica che intende «portare valore aggiunto all’entrata del nucleo di San Giorgio (che diverrà Zona 30), anche grazie all’utilizzo di materiali pregiati».

Leggi anche:

Ex Caserma, la pianificazione travolta dal Tram

Losone, sentenza ex Caserma: ‘È una vittoria di Pirro’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
28 min
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’.
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
© Regiopress, All rights reserved