laRegione
05.07.21 - 17:51

È morto Alvaro Mellini, precursore e passionario

Cordoglio a Locarno per la sua scomparsa alla soglia degli 80 anni. Ha amato scuola, tennis, calcio e (non sempre) la politica

e-morto-alvaro-mellini-precursore-e-passionario
Alvaro Mellini avrebbe compiuto 80 anni a dicembre

Il ricordo della figura di Alvaro Mellini quando congiunti e amici ne piangono la scomparsa alla soglia degli 80 anni non può allontanarsi dal luogo che Alvaro, lungamente, ha chiamato “casa”. Ovvero il Tennis club Locarno, con l'odore della terra rossa, gli amici che organizzano prima la partita e poi l'aperitivo; la passione di mettere a disposizione ore e competenze; la determinazione di rendere unico, nel suo piccolo, il “club house”. Mellini era il primo interprete di questa sensibilità fatta di cameratismo e generosità. Perchè proprio lì, al Tennis club, la generosità aveva fatto breccia, per la prima volta, nella vita dell'Alvaro ragazzo.

Ce lo aveva raccontato lui stesso nel novembre del 2019, al momento di lasciare per la terza volta la carica di presidente del sodalizio: correva l'anno 1952, alla morte del padre la mamma era rimasta con 6 figli da crescere. Lavorava, ma non poteva bastare. Provvidenziale era stato il “posto” di ”ball boy” che un conoscente aveva propiziato. «L'ambiente era esclusivo, al “club house” si parlava francese; ma mi sentivo protetto – aveva ricordato Alvaro Mellini – e in più guadagnavo qualche soldo». Se sono poi arrivati, da adulto, tre mandati da presidente; se sono stati realizzati i campi coperti alla Morettina; e se a fine anni '90 Mellini è stato il vero artefice del salvataggio finanziario del club muovendo con intelligenza tutte le pedine giuste su uno scacchiere finito di sghimbescio, ebbene, tutto ciò è riconducibile a questo: al bisogno di ripagare un debito con quell'ambiente che gli era così caro. Ed è un “saldato!”, quello esclamato con affetto dagli amici del tennis, che si è tradotto nella sacrosanta presidenza onoraria del sodalizio.

Uomo di idee e responsabilità Alvaro Mellini è stato anche ad altri livelli e in altri contesti. Quello della scuola, da direttore della Spai di Locarno per una vita, l'ha visto precursore del modello di scuola a blocchi, con una nuova e migliore omogeneità fra studio e lavoro per gli apprendisti. Poi c'era la politica, una passione vissuta negli anni '80 con l'impressione, spesso, di non essere al posto giusto laddove finte parevano certe pacche sulle spalle e troppo facili i cedimenti a compromessi di parte di molti colleghi, di partito e non. Il valore e il limite di Alvaro era nella necessità di essere sempre coerente con se stesso, con il rischio di incrinare determinati equilibri. Particolarmente significativo l'anno da primo cittadino di Locarno, come presidente del Consiglio comunale, nel 1985.

Ancora in ambito sportivo, un'altra grande passione è stata il calcio: da giocatore delle bianche casacche negli anni '60; da vicepresidente del Fc Locarno negli anni di Graziano Botta; e anche, lungamente, da “voce” dello Stadio Lido per la lettura delle formazioni e l'accompagnamento al pubblico durante le partite. In quel tono entusiasta che ci sembra di riascoltare oggi, con l'emozione tenuta a freno annunciando un gol del Beneamato, o i “tot-mila” spettatori che ancora premiavano le gesta dei bianchi, c'era l'incontro fra lo “speaker” ufficiale e il tifoso ebbro di gioia. Spesso, per distacco vinceva il secondo.

Alla moglie Elda e ai figli Davide e Marzio – nostro collega della redazione sportiva – vadano le più sincere condoglianze della “Regione”.

Leggi anche:

Alvaro Mellini, da 'ball-boy' a triplo presidente

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
2 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
3 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
3 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
3 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
3 ore
Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave
L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
Locarnese
4 ore
Hildebrand, il dottor Paolo Rossi nominato co-primario
Lo ha nominato il Consiglio di Fondazione della Clinica riabilitativa brissaghese.Affianca il dottor Ruggieri, che nel 2024 raggiungerà il pensionamento
Grigioni
4 ore
Monticelli rinuncia alla sfida, Giudicetti sindaco di Lostallo
Il miglior eletto nell’elezione del Municipio non si è messo a disposizione per la carica, che resta quindi all’uscente in sella dal 1993
Bellinzonese
5 ore
Anche a Campra si scia: piste aperte da giovedì 8
Gli appassionati dello sci di fondo potranno utilizzare 15 chilometri di percorsi blu e rossi
Bellinzonese
5 ore
Restaurato l’orologio della chiesa parrocchiale di Biasca
I lavori si sono conclusi recentemente e sono costati circa 16mila franchi. Una cifra che è stata completamente coperta grazie alle offerte pervenute
© Regiopress, All rights reserved