laRegione
novartis-abbandona-locarno-il-governo-non-puo-farci-nulla
Pharmanalytica (foto Ti-Press)
02.07.21 - 15:17
Aggiornamento: 15:54

Novartis abbandona Locarno: il governo non può farci nulla

L'esecutivo cantonale risponde all'interpellanza del deputato Pronzini circa l'abbandono di Pharmanalytica della multinazionale, entro la fine del 2023

"Il Consiglio di Stato non dispone della facoltà d'impedire lo spostamento, la trasformazione o la dismissione di un'attività economica privata". In merito alla decisione di Novartis di abbandonare il sito locarnese Pharmanalytica entro la fine del 2023, l'esecutivo cantonale ha così risposto - lo scorso 30 giugno - alla prima delle due domande poste nell'interpellanza presentata dal deputato Matteo Pronzini e cofirmatarie, il 9 giugno.

Gli interpellanti, lo ricordiamo alla spiccia, chiedevano al Consiglio di Stato (CdS) se non intendesse obbligare Novartis a tornare sui passi ed evitare così la chiusura della filiale; nonché domandavano informazioni circa agevolazioni percepite dall'azienda negli anni di attività. E, non proprio fra le righe, mettevano in discussione la progettualità di sviluppo economico del governo.

Riguardo alle informazioni su agevolazioni finanziarie, fiscali, pianificatorie e simili, eventualmente percepite dalla multinazionale, il CdS si appella all'obbligo di "tener conto delle esigenze di riservatezza a tutela di legittimi interessi privati e delle prescrizioni in materia di segreto d'ufficio, nonché di segreto fiscale", si legge nella risposta. Tuttavia, si ricorda ai deputati che tali informazioni sono pubblicate annualmente in sede di consuntivo (nella documentazione complementare ai dati finanziari).

In sostanza, l'esecutivo sottolinea laconicamente come non sia di sua competenza interferire con le decisioni di politica aziendale di privati che hanno altresì il diritto alla tutela dei propri interessi, cui il governo deve far fede.

'Una politica di sviluppo economico fallimentare'

L'atto parlamentare, si ricorderà, faceva leva sulla necessità della difesa dei posti di lavoro e sulla centralità dello sviluppo economico, azioni d'interesse pubblico e demandate al governo. Inoltre, lo ricordiamo, gli interpellanti facevano emergere come la discussione sul futuro del comparto produttivo locarnese fosse urgente, perché decisioni a riguardo sarebbero state prese entro breve tempo. 

L'interpellanza seguiva l'annuncio del colosso multinazionale chimico-farmaceutico, sempre lo scorso 9 giugno, della chiusura del sito di Locarno: una conseguenza incomprensibile e assolutamente inaccettabile che porta alla distruzione di una competenza collettiva, lasciando per strada un numero considerevole di lavoratori. "Tale decisione dimostra ancora una volta di più il fallimento (e l'assenza) della politica di sviluppo economico del Consiglio di Stato, del Dipartimento delle finanze e dell'economia e dei partiti che sostengono l'esecutivo", scrivevano gli interpellanti. 

Una filiale storica quella di Locarno, presente dal 1937, che dà lavoro a una sessantina di dipendenti e che rappresenta un centro di competenza nell'analisi di controllo qualità per oltre una cinquantina di prodotti farmaceutici; come per altro viene definita dalla casa madre stessa. 

Leggi anche:

Locarno, Novartis lascia la sede cittadina entro fine 2023

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno multinazionale novartis
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
3 ore
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
3 ore
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
12 ore
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
14 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
15 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
21 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
22 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
© Regiopress, All rights reserved