laRegione
30.06.21 - 16:40
Aggiornamento: 17:56

Stipendi Santa Chiara di Locarno, Moncucco interverrebbe...

La clinica luganese, proprietaria di maggioranza della consorella sul Verbano, si dice sconcertata per il rischio di mancato pagamento dei salari

stipendi-santa-chiara-di-locarno-moncucco-interverrebbe
Prosegue la battaglia legale (Ti-Press)

I dipendenti della clinica Santa Chiara di Locarno rischiano di non vedersi pagare gli stipendi. Un notizia che circola da alcuni giorni e sulla quale interviene la clinica luganese Moncucco, proprietaria di maggioranza della consorella sul Verbano.

In un comunicato ai media la Moncucco esprime tutto il suo sconcerto per la situazione che si è venuta a creare e si dichiara “ben volentieri pronta a intervenire per aiutare la Santa Chiara e i suoi collaboratori”. Ne è però impedita “da una decisione dei precedenti amministratori, che si rifiutano di collaborare con chi oggi rappresenta l’azionista di maggioranza, e da un ordine della Pretura di Locarno”.

La nota inviata alla stampa prosegue: “L’azionista di minoranza Swiss medical network (Smn) ha infatti presentato un’istanza e ottenuto dalla Pretura di Locarno una misura supercautelare che mantiene i diritti di firma dei due amministratori attuali e fa loro divieto di collaborare in qualsiasi modo con la Clinica Moncucco. Si tratta di una procedura piena di pericoli anche per la clinica Santa Chiara, nella quale l’azionista di minoranza (6 per cento dei voti) chiede e ottiene un provvedimento in apparenza contro la clinica stessa, rappresentata da amministratori con i quali però è in evidente accordo, escludendo la maggioranza (quasi il 94 per cento dei voti) dal potersi esprimere davanti al giudice e finora perfino dal diritto di prendere conoscenza dell’istanza presentata da Smn”. La clinica Moncucco “deplora ancor più l’agire degli attuali amministratori della Santa Chiara e dei loro rappresentati legali, i quali potrebbero sbloccare la situazione in poco tempo, riconoscendo la legittimità degli amministratori di recente nomina, favorendo così un periodo di cogestione che permetterebbe di pagare i salari e avviare il processo di ricapitalizzazione senza il quale il futuro della Santa Chiara non potrà in nessun modo essere garantito”.

La replica di Swiss medical network

I vertici di Smn, dal canto loro, correggono il tiro: garantiscono di aver messo a disposizione i soldi per pagare i salari (1,5 milioni di franchi), ma questo denaro è stato bloccato dalla banca che pretende la firma dei quattro amministratori, quelli attuali e quelli di fresca nomina. Per Smn sono questi ultimi, legati alla Moncucco, che non vogliono firmare e quindi liberare il capitale per gli stipendi. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
4 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
5 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
6 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
7 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
7 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
8 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
8 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
12 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
12 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved