laRegione
27.06.21 - 18:02

Locarno, sull'autosilo aveva ragione la Sinistra

Il governo accoglie il ricorso Mellini-Sirica in merito al mancato ammortamento della struttura di Largo Zorzi nei preventivi 2019

locarno-sull-autosilo-aveva-ragione-la-sinistra
Ti-Press
Dal punto di vista contabile, è un bene amministrativo

La distinzione fra beni amministrativi e beni patrimoniali “dipende primariamente dallo scopo per il quale sono stati acquistati o che viene loro assegnato: di prevalente interesse pubblico (beni amministrativi) oppure di investimento finanziario (beni patrimoniali)”.

È l'assunto del Consiglio di Stato che permette alla Città di Locarno di meglio capire la differenza fra gli uni e gli altri, ma soprattutto è l'impalcatura su cui si basa la sentenza del governo che bacchetta il Municipio sui preventivi 2019 e dà ragione alla Sinistra.

Il ricorso era stato inoltrato da Pier Mellini e Fabrizio Sirica, che contestavano il mancato ammortamento dell'autosilo comunale di Largo Zorzi, precedentemente trasformato da bene amministrativo in bene patrimoniale. Nella sua sentenza datata 23 giugno il Consiglio di Stato indaga dunque le differenze fra beni amministrativi e beni patrimoniali. L'autosilo di Largo Zorzi, acquistato dalla Città nel gennaio del 2017 per 13,3 milioni, era stato trasformato dal Consiglio comunale in bene patrimoniale “per effettuare un'analisi più vicina alla realtà del patrimonio della Città, snellire la struttura a bilancio, valorizzare meglio e in maniera più consapevole il patrimonio cittadino ed evitare un ammortamento troppo accelerato in particolare di alcune opere importanti recenti, il tutto indipendentemente dall'introduzione del nuovo piano contabile armonizzato”. Il risultato della trasformazione – che riguardava non solo l'autosilo, ma anche altre proprietà – sarebbe stato un mancato ammortamento annuale, ma solo un deprezzamento nel caso in cui il valore di mercato fosse stato inferiore a quello registrato a bilancio. Da qui, un risparmio complessivo sugli oneri di ammortamento calcolato in circa 800mila franchi all'anno. 

Statuendo sul ricorso Mellini-Sirica, il Consiglio di Stato sottolinea che “l'autosilo dev'essere considerato a tutti gli effetti un bene amministrativo, essendo stato inserito a livello pianificatorio nel Piano particolareggiato del centro urbano quale parcheggio pubblico, ma soprattutto poiché finanziato parzialmente (per 3,7 milioni) facendo capo all'accantonamento contributi sostitutivi posteggi”. Il tutto “senza dimenticare la necessità, indicata dallo stesso Municipio, di sopperire, con l'acquisizione, ai bisogni di posteggi pubblici nel comparto cittadino”. Nei conti preventivi 2019, dunque, “il Comune avrebbe dovuto procedere all'ammortamento, inserendo il relativo importo nel centro costo 104 Autosilo Largo Zorzi ‘addebito interno per ammortamenti’”, così come sempre sostenuto dal gruppo socialista.

Se non ha più senso correggere retroattivamente i conti preventivi '19, bisognerà inserire l'ammortamento 2019 nei consuntivi 2021 (oltre che procedere così come indicato anche negli anni successivi).

Non è da escludere un ricorso al Tram

Da una prima sommaria verifica, la decisione del governo potrebbe gravare gli esercizi contabili di una cifra variabile fra i 300 e i 600mila franchi all'anno, a dipendenza del tasso di ammortamento applicato. Stando a Davide Giovannacci, capodicastero Finanze, in tutti i modi non vorrebbe comunque compromessa la forza finanziaria del Comune. Non è escluso per altro che il Municipio, presa visione e valutata la sentenza, possa decidere di ricorrere al Tribunale amministrativo. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
16 min
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: “Mi piange il cuore”
Ticino
3 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
5 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
5 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
5 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
12 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
12 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
15 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
16 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
19 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
© Regiopress, All rights reserved