laRegione
bosco-gurin-la-slittovia-e-finalmente-pronta
23.06.21 - 16:12
Aggiornamento: 17:18

Bosco Gurin, la slittovia è finalmente pronta

Completato il collaudo dell'alpin bob della località turistica, inaugurazione il weekend del 3-4 luglio. Costi lievitati, sicurezza aggiornata ai nuovi standard

Slittovia di Bosco Gurin, l'attesa è finita! Nel fine settimana del 3-4 luglio, i primi intrepidi potranno lanciarsi lungo la rotaia- serpentone e godersi qualche minuto di divertimento a bordo degli speciali bob. Se per il taglio del nastro ufficiale occorrerà attendere il mese di settembre, rende noto il proprietario degli impianti di risalita della destinazione walser, Giovanni Frapolli, per famiglie e turisti questa attrattiva outdoor sarà invece già agibile dal mese prossimo e per tutta l'estate. Dal Ristorante Rossboda, raggiungibile comodamente con la seggiovia o a piedi, si sfreccia attraverso i prati panoramici su un percorso di diverse centinaia di metri a curve, dossi e paraboliche. Lo si può affrontare a tutto gas e farsi sballottare dai repentini cambi o tranquillamente (i sistemi di frenata automatica assicurano la perfetta aderenza). Al termine del tracciato, l'impianto ti riporta automaticamente e comodamente al punto di partenza. «Dopo il collaudo, in questi giorni ci concentreremo sulla formazione del personale. Dopodiché dovremo posare una recinzione attorno al tracciato per impedire che del bestiame entri nel circuito. Poi, finalmente, saremo pronti» – commenta – «Mi auguro che questo investimento porti i risultati sperati. L'interesse suppongo ci sia. Solo il tempo potrà dirlo. Una prima valutazione potremo farla a fine estate. Ma ricordo che questa è una slittovia pensata e aperta sulle 4 stagioni (quindi anche in presenza di neve), unica in Ticino. Per il sottoscritto, dopo tutte le polemiche che hanno accompagnato questo cantiere, è una bella soddisfazione vederlo ultimato. Mi spiace se a qualcuno, ora, farà venire il mal di pancia...».

Il ritardo: non tutti i mali vengono per nuocere

Quel non meglio precisato “qualcuno” si riferisce a coloro che, in questi ultimi anni, non hanno lesinato critiche all'indirizzo degli investimenti del responsabile della Centri Montani: «Ammetto che è stata una gestazione tribolata. Abbiamo accumulato parecchio ritardo a causa del covid e i costi sono saliti vertiginosamente. Siamo passati dall'1,7 milioni a preventivo ai 2,3 milioni di franchi circa. Tuttavia vediamoci anche l'aspetto positivo: in questi ultimi anni a livello di sicurezza dell'impiantistica sono stati apportati molteplici correttivi proprio per accrescerla. Si sono adattate le norme a quelle che sono le severe disposizioni europee in materia. Questo ci ha permesso di apportare le necessarie modifiche e di dotare la slittovia di tecnologie di ultima generazione. Un aspetto, quello della sicurezza, sicuramente da non trascurare».
Bassa e poco impattante, la pista dell'alpin bob di Bosco Gurin risponde al bisogno di servizi integrati che sviluppino più tipi di turismo. «Quando ci sono idee e progettazioni valide, occorre osare e trovare le risorse – osserva l'ingegnere bellinzonese – Saluto perciò con piacere la notizia di un progetto di zipline nelle vicine Centovalli. Anche loro avranno da metterci tanto impegno per superare tavoli di permessi e progetti, a volte un po' scoraggianti. Simili impianti avranno ricadute positive sull'intera economia della montagna. Sono nuovi elementi dell’offerta turistica che potranno essere apprezzati da tutti, adulti e bambini, residenti e ospiti». E a una zipline si punta, come noto, da qualche tempo, anche nella località della Rovana. Prima che la nota assemblea patriziale di aprile scombussolasse i piani del suo promotore: «Abbiamo la licenza, a settembre inizieremo i lavori» - conclude telegraficamente. Tanto per essere chiari: lui non molla.

Leggi anche:

Centovalli appese a un filo: quello della zipline

Niente ripensamenti, 'chiudo gli impianti di Bosco Gurin'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 min
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
3 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
3 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
3 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
11 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
13 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
14 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
14 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
14 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
14 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
© Regiopress, All rights reserved