laRegione
22.06.21 - 16:41

‘La super-perizia sdogana un'incredibile coincidenza’

Morte del 44enne alla Rotonda di Gordola, l'avvocato della famiglia, Diego Olgiati: “Prima che venga convalidata giudizialmente, bisognerà passare sul mio cadavere”

la-super-perizia-sdogana-un-incredibile-coincidenza
Ti-Press
L'avvocato Diego Olgiati si dice incredulo

«Prima che questa perizia venga convalidata giudizialmente, bisognerà passare sul mio cadavere». Non usa mezzi termini, Diego Olgiati, patrocinatore della donna il cui marito 44enne era morto nell'atrio della discoteca La Rotonda di Gordola nella notte sul 22 aprile 2017. La perizia – o “super-perizia” – cui fa riferimento Olgiati è quella fatta esperire dalla presidente della Corte di appello, giudice Giovanna Roggero-Will, ad un esperto secondo cui la morte dell'uomo non fu causata da un pugno sferrato da tergo dal 25enne condannato in prima istanza a 5 anni per omicidio colposo, ma avvenne per cause naturali, e andrebbe ricondotta ad una alterazione patologica del vaso sanguigno. 

Secondo l'esperto, la lacerazione dell'arteria vertebrale sinistra che determinò il decesso non fu, verosimilmente, di origine traumatica. Il che scagionerebbe dunque il 25enne che alcuni testimoni videro prima attaccar briga all'interno della discoteca, poi colpire da dietro il 44enne mentre si apprestava a rincasare.

«Al momento – prosegue Olgiati – la cosiddetta super-perizia è al vaglio dei miei consulenti. Questo, evidentemente, perché suscita grossi interrogativi, per non dire altro. In sostanza mi si dice che l'uomo sarebbe morto una frazione di secondo prima di venire colpito. Stando così le cose, si tratterebbe di una incredibile coincidenza. Di conseguenza, chi ha effettuato tutti gli accertamenti precedenti non ha capito assolutamente nulla». L'avvocato di Muralto, nella sua qualità di accusatore privato, ha sempre sostenuto la tesi dell'aggressione proditoria fatale, e in prima istanza aveva chiesto una condanna per omicidio intenzionale.

Leggi anche:

Dramma alla Rotonda di Gordola, un pugno al collo la (con)causa della morte del 44enne

Caso La Rotonda, ‘morte per cause naturali’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
10 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
10 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
11 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
12 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
12 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
13 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved