laRegione
22.06.21 - 16:13
Aggiornamento: 16:59

‘Caso Clemente’, Andrea Pagani va al Tribunale federale

Il procuratore generale ricorre a Losanna contro l'assoluzione dell'avvocato di Muralto dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata

caso-clemente-andrea-pagani-va-al-tribunale-federale
Ti-Press
Pagani non ci sta

Il procuratore generale Andrea Pagani ha deciso di ricorrere al Tribunale federale contro la sentenza di assoluzione dell'avvocato Ignazio Maria Clemente. Quest'ultimo, in appello, era stato scagionato dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata che in prima istanza, di fronte ad una Corte di Assise correzionali, gli era invece costata, nel febbraio del 2020, una condanna a 1 anno e 3 mesi di detenzione sospesi. La vicenda penale riguardava i soldi che il legale – difeso dal collega Diego Olgiati – aveva liberamente utilizzato benché fossero di una cliente, per la quale, prima che ella morisse, rogò il passaggio di proprietà di un rustico dal valore di circa 390mila franchi, poi depositati su un conto cliente. 

In Appello però le cose erano andate diversamente rispetto al primo processo, poiché la giudice Giovanna Roggero-Will aveva stabilito che gli elementi emersi in corso d’indagine “costituiscono una più che solida impalcatura che sostiene la versione dell’accordo” intervenuto fra l’imputato poi assolto e la sua benefattrice. “Il fatto che, nell’inchiesta (ma non solo, anche nella documentazione contenuta nell’incarto della cliente e prodotta agli atti), l’avvocato Clemente abbia oscillato, nel qualificare l’accordo intervenuto, fra la tesi della donazione, quella del prestito e quella del prestito con opzione di condono, non è atto nemmeno a scalfire quest’impalcatura – scriveva la Corte –. Non lo è poiché la qualifica giuridica dell’accordo non era di immediata definizione: vi erano elementi che andavano in un senso ed altri che andavano in un altro, nella misura in cui dagli atti qui discussi risulta che quando l’avvocato Clemente (la cui volontà era di chiedere un prestito) ha parlato di restituzione, la signora ha sorvolato, dando una risposta che poteva legittimamente lasciar intendere una sua rinuncia alla restituzione, e terminando con un’espressione (‘va bene così, è liquidato’) che non poteva che rafforzare, confermandolo, il senso di quel primo ‘non parliamo di questo’”, pronunciato dalla cliente. L’avvocato era dunque ampiamente legittimato a credere di avere carta bianca e l’accusa “non è riuscita a portare elementi atti a togliere valore indiziante ai numerosi e concordanti elementi che, insieme, sostengono la versione dell’avvocato Clemente”.

Una “soluzione”, quella adottata dalla presidente della Carp, che non ha evidentemente convinto l'accusa, rappresentata dal procuratore generale Andrea Pagani. Il quale, come detto, andrà fino a Losanna per far ripristinare una sentenza di condanna così come stabilito dalle Correzionali di Locarno.

Leggi anche:

Appropriazione indebita: assolto l'avvocato Clemente

Avvocato a processo per un prestito contestato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
51 min
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
1 ora
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
8 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
10 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
11 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
11 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
12 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
12 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
16 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
18 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
© Regiopress, All rights reserved