laRegione
locarno-non-vi-fu-alcun-pestaggio-in-gendarmeria
20.06.21 - 14:30

Locarno, non vi fu alcun pestaggio in gendarmeria

Il Tribunale federale scagiona i due agenti dall'accusa di aver picchiato, nel 2013, un automobilista italiano fermato perché ubriaco

Il Tribunale federale ha assolto i due agenti della Polcantonale dall'accusa di pestaggio ai danni di un automobilista ubriaco. Fatti risalenti al lontano novembre 2013 quando, in occasione di un controllo stradale in territorio di Tegna, i due tutori dell'ordine fermarono il conducente italiano di una vettura sospettato di aver alzato troppo il gomito. L'uomo, per accertamenti, venne portarlo prima all’ Ospedale di Locarno e in seguito alla gendarmeria. Fuori dal nosocomio – come comprovato dalle telecamere – uno dei due si accanì sull'automobilista, senza che questi, ammanettato, potesse difendersi. Lo sbatté a terra, per poi colpirlo con una scarica di pugni. Come anticipato dalla Rsi, a detta della Corte di appello e di revisione penale, si trattò di un caso di abuso di autorità. Reato che ora i giudici losannesi hanno confermato. La massima istanza ha però prosciolto l’agente dalle accuse legate a quanto sarebbe accaduto più tardi, al posto di polizia. Il conducente ha sempre sostenuto di essere stato picchiato anche lì (frattura del setto nasale). Tuttavia, in questo caso, l'inchiesta non ha potuto escludere che il cittadino italiano si ferì inciampando nel gradino di entrata, come dichiarato dai due agenti. Per mancanza di prove, per i fatti avvenuti in gendarmeria entrambi i poliziotti sono dunque stati assolti. Accogliendo i ricorsi (uno in parte, l’altro totalmente), il Tribunale federale ha dunque rinviato l’incarto alla Corte d’appello per una nuova sentenza. Nel 2020 i due tutori dell'ordine vennero condannati a una pena pecuniaria sospesa e al pagamento di una multa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
17 ore
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
19 ore
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
23 ore
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior
Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne
Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior
‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’
La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior
‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’
Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior
Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’
A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior
E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues
Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior
Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni
L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior
Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar
La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
© Regiopress, All rights reserved