laRegione
laR
 
17.06.21 - 05:20
Aggiornamento: 17:17

Gordola, ‘se il legislativo ordina, il Municipio esegua’

Importante sentenza del Consiglio di Stato in merito all'uscita da ‘Città dell'Energia’ decisa dall'esecutivo nonostante il parere opposto del Consiglio comunale

gordola-se-il-legislativo-ordina-il-municipio-esegua
Ti-Press
Nel 2016, festa per la certificazione

Da una parte Gordola torna a essere fra i Comuni virtuosi «che promuovono politiche energetiche e climatiche sostenibili e all’avanguardia». Dall’altra, il Municipio deve prendere atto di «aver agito al di fuori dei suoi poteri, e dovrà in futuro attenersi alle scelte politiche del Consiglio comunale, rispettandole». Ha questi due risvolti, la sentenza del Consiglio di Stato riguardante la vertenza della non ricertificazione come Città dell’Energia decisa dal Municipio di Gordola malgrado il parere opposto del suo Consiglio comunale. Ad esprimere il concetto è Gabriele Balestra (Plr e Verdi liberali), consigliere comunale che a nome del gruppo Plr aveva ricorso al governo contro la decisione municipale di abbandonare l’impegno della ricertificazione per il mantenimento del label.

La mozione del 2011

L’adesione al progetto Città dell’Energia parte da lontano: dall’approvazione in legislativo di una mozione del 2011 (preavvisata favorevolmente dallo stesso Municipio) poi sfociata nell’entrata di Gordola nell’Associazione Città dell’Energia. Questo, fino ai preventivi 2019, dove l’esecutivo chiedeva di non più procedere alla ricertificazione per il label, evitando di inserire l’importo necessario allo scopo e chiamandosi di fatto fuori dall’Associazione. Su queste basi il Plr aveva presentato un emendamento ai conti che chiedeva di inserire 5'000 franchi per ricertificarsi; emandamento che il Consiglio comunale aveva approvato a larga maggioranza (16 sì, 4 no e 7 astenuti). Così il tema era tornato in Municipio (27 maggio 2019), che aveva però deciso di rimanere sulle sue posizioni, ritenendo che non ci fossero più i presupposti per l’ottenimento della certificazione. Pubblicata all’albo comunale, la decisione non era piaciuta a molti consiglieri, e in particolare a Gabriele Balestra, che per conto del Plr aveva appunto ricorso al Consiglio di Stato chiedendo in via principale la nullità della decisione e in via subordinata il suo annullamento, con conseguente reintegro dei 5'000 franchi e l’obbligo municipale di dare seguito all’iter per mantenere la certificazione, così come statuito dal Consiglio comunale.

Il Municipio: ‘Decisione ben ponderata’

A settembre, prendendo posizione sul ricorso, il Municipio riteneva di avere un potere di apprezzamento nel decidere se impiegare o meno quanto previsto a preventivo, “se questo non porta al conseguimento dell’obiettivo, rispettivamente che la motivazione a supporto di questa scelta è frutto di un’attenta analisi delle possibilità di riqualifica in base a quanto fatto negli ultimi tre anni, dove a parte la vendita sporadica di lampadine e prese elettriche da parte dell’Ufficio tecnico, per ragioni di contingente, poca attenzione e priorità è stata data al tema energetico” (la formulazione è riportata dal governo nella sua sentenza). L’esecutivo aggiungeva che voleva stabilire altre priorità (ad esempio il rinnovamento della maggior parte degli stabili comunali) ma anche che il label era stato raggiunto con il 55,9% del punteggio massimo possibile, quindi senza particolari squilli. In sede di duplica aveva considerato che la decisione di rinunciare alla certificazione ”era stata ponderata bene, non soltanto per evitare uno spreco di denaro pubblico per un mandato che non avrebbe successo, ma anche per opportunità e credibilità politica a fronte del tema ambientale”.

Secondo il governo, l’agire del Municipio “non può essere tutelato” poiché “quanto risolto di non procedere con la ricertificazione disattende il disposto della Loc” secondo cui il Municipio propone, esegue o fa eseguire le risoluzioni dell’Assemblea o del Consiglio comunale. Nel caso di Gordola, il volere del Consiglio comunale era stato chiaramente espresso quale “frutto della volontà politica di provare a raggiungere questa certificazione che lo stesso Comune aveva per altro già ottenuto nel 2015, volontà che il Municipio di Gordola non poteva ignorare visti i suoi compiti di legge”.

Balestra: ‘Peccato per i due anni persi’

Riflettendo oggi sulla questione, sentenza alla mano, Balestra affronta dunque due temi. Il primo è il ritorno sul cammino della ricertificazione: «Un bel segnale per un paese che vuole puntare a migliorare la qualità di vita dei propri cittadini. L’adesione a “Città dell’energia” consente infatti di beneficiare di strumenti, aiuti e servizi per una politica energetica e climatica a beneficio del cittadino, e orientata ai risultati. Queste misure sono rivolte anche a ogni singolo cittadino». C’è, poi, il principio del primato del legislativo in ambito decisionale: «Nei prossimi anni saremo confrontati con decisioni non facili, ad esempio per il contenimento della spesa pubblica e le scelte sulle priorità degli investimenti da realizzare. Sarà fondamentale che il legislativo dia delle indicazioni chiare, e che il Municipio le concretizzi, senza intralciare la volontà democratica di chi rappresenta la cittadinanza di Gordola. Naturalmente il tutto nella speranza che il Municipio non si accanisca in un incomprensibile quanto imbarazzante ricorso alla decisione governativa». A Balestra «resta il rammarico per i due anni persi nello sviluppo della politica energetica gordolese, e per gli inutili costi causati (vedi ad esempio l’eliminazione in fretta e furia – nonostante il ricorso pendente – della segnaletica sul marchio “Città energia”, che dovrà essere ripristinata)».

Leggi anche:

Gordola si strappa l'etichetta di Città dell'Energia

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
13 min
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
3 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
3 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
3 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
13 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
14 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
17 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
19 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
© Regiopress, All rights reserved