laRegione
laR
 
15.06.21 - 20:32
Aggiornamento: 22:33

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'

sul-sedime-della-cappelletta-di-gordola-c-e-un-piano-in-piu
Il complesso residenziale

“Come può un’Autorità che ha promesso (o giurato) di rispettare la Costituzione e le leggi esprimere verità parziali? Il Municipio sembra speculare sul fatto che la planimetria non mostra la morfologia del terreno, che è di sua natura molto ripido e per di più gira verso il riale in direzione sud-est. Stando alla Legge edilizia, l’altezza dell’edificio va misurata nel punto più alto del medesimo”.

Sono passaggi di una lettera inviata alcuni mesi fa all’Ufficio domande di costruzione del Dipartimento del territorio, e in copia al Municipio di Gordola, riguardo a presunte irregolarità edilizie sullo stesso terreno che a Gordola attende il ritorno della cappelletta votiva distrutta per errore, fretta o imperizia da una ruspa. Firmatario della missiva non è una persona qualunque, ma Benedetto Antonini, che sul terreno in questione, come presidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan) ha lungamente lavorato proprio in vista della ricostruzione della cappelletta; prima ancora, Antonini è stato a capo della Sezione della pianificazione urbanistica del Dipartimento dell’ambiente, direttore della Divisione della pianificazione territoriale del Dipartimento del territorio, nonché consulente per il Dipartimento stesso e docente di urbanistica al Politecnico di Milano.

‘Sdegno irrefrenabile’

Il fatto che Antonini esprima “sdegno irrefrenabile” per quanto, secondo lui, starebbe accadendo sul sedime, è significativo. E lo è forse ancora di più che le sue recriminazioni, o richieste di chiarimento, siano rimaste fino ad oggi senza nessun riscontro concreto (in realtà, stando a nostre verifiche, il Dipartimento ha nel frattempo invitato il Municipio a fornire determinate informazioni e a effettuare ulteriori verifiche dopo quelle già svolte. Il tema verrà nuovamente affrontato in una delle prossime sedute).

Ricordando la sua prolungata presenza sul posto, Antonini nella lettera ricordava di aver “espresso meraviglia per l’insolita altezza dell’edificio allora appena al termine delle opere grezze”. Da lì, invitato a intervenire, l’esecutivo aveva fatto esperire una misurazione al geometra revisore, secondo il quale – così come secondo il capodicastero Roberto Balemi – le altezze sarebbero senza alcun dubbio state rispettate.

Ma la versione di Antonini, raggiunto ieri dalla “Regione”, non cambia. E rimanda al testo della segnalazione al Dipartimento. Vi si legge anche che secondo il Commentario della Legge edilizia (Scolari) “l’altezza massima va computata a tre metri dal filo della facciata”, ma verificando questo assunto da una fotografia allegata “si nota come a 3 metri dal filo della facciata, la verticale sul terreno naturale cadrebbe oltre 3 metri poi in basso”. Personalmente, rilevava e ancora oggi sostiene l’ex capo della Sezione della pianificazione urbanistica, “ho buone ragioni per supporre che quell’edificio sia un piano troppo alto rispetto a quanto ammissibile nel rispetto delle Norme di applicazione del Piano regolatore”, le Napr. Riportandone alcuni articoli, Antonini parlava di “un superamento importante dell’altezza massima consentita (...). Chiunque può avvedersi che lo squarcio nel terreno praticato per ottenere l’accesso all’edificio a valle e i posteggi aperti, lungo quasi come la metà della facciata, è alto circa 2,83 metri + 0,97 metri + 1,50 metri = metri 5,30 circa”.

E se c’è un’imprecisione, “non è sostanziale poiché qui ballano metri e non centimetri”. Infatti, “l’altezza totale consentita in corrispondenza dell’entrata dell’autorimessa potrebbe essere di metri 9 + 2 = 11, mentre l’altezza di progetto si aggira sui metri 9 + 5,53 = metri 14,53”. Tutto sommato, erano le parole di Antonini, “se ne deduce che, in questo caso, a fronte di un crasso dispregio della Legge e di un impoverimento del paesaggio, assistiamo a un massiccio illecito arricchimento del promotore”; arricchimento quantificato in “un piano supplementare”. Sospetti, quelli documentati, riguardanti l’edificio a valle del complesso, ma che per Antonini possono estendersi anche a quello a monte, “dove le altezze sembrano superare in misura altrettanto grave quanto consentito dalle Napr”.

Nel frattempo, si è sempre in attesa della ricostruzione della cappelletta votiva che una ruspa malandrina aveva cancellato dalla faccia della terra nel febbraio del 2018, proprio durante le prime operazioni di cantiere del complesso residenziale. L’azione aveva suscitato grande riprovazione a Gordola (e non solo), visto che il manufatto, per il suo valore storico, culturale e religioso, avrebbe dovuto essere tutelato e trattato a mo’ di reliquia.

‘Ricostruzione quanto prima’

Nel luglio dello stesso anno erano state consegnate 500 firme per la sua ricostruzione filologica, in ottobre era stata negata una domanda di demolizione in sanatoria ed era stata concessa una licenza edilizia proprio per la ricostruzione fedele all’originale. Il basamento su cui poggerà la nuova cappelletta, fronte strada, fa bella mostra di sé ormai da qualche mese. La speranza che «quanto prima i promotori si impegnino nella ricostruzione» viene espressa dal sindaco, Damiano Vignuta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
19 min
Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food
Cinque professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
19 min
La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’
Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
8 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
11 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
12 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
12 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
12 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
14 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
14 ore
‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’
L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Luganese
17 ore
Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano
Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
© Regiopress, All rights reserved