laRegione
Ungheria
0
Portogallo
0
1. tempo
(0-0)
MOLTENI A./PELLA G.
1
ALTMAIER D./STRICKER D.
0
2 set
(7-6 : 3-5)
schiamazzi-liti-spaccio-la-casa-nera-di-citta-vecchia
Ti-Press
Città Vecchia, qualche problemino
Locarnese
 
11.06.21 - 05:300
Aggiornamento : 11:48

Schiamazzi, liti, spaccio: la casa ‘nera’ di Città Vecchia

Locarno, numerosi interventi della polizia nello stabile. L'amministratore: “Già tre ingiunzioni di sfratto, ma non possiamo lasciarli in strada”

Urla, schiamazzi, rumori di bottiglie che vanno in frantumi. E poi discussioni, musica ad alto volume e, per non farsi mancare niente, anche spaccio di sostanze stupefacenti, con il viavai che ne è una logica conseguenza e che chiude per così dire il cerchio di una “tempesta perfetta” in pieno centro cittadino. Peggio: nel cuore di Città Vecchia, ameno nucleo che della vivibilità e dell'accoglienza, anche del turista, fa i suoi fiori all'occhiello.

È una storia di (stra)ordinario disordine sociale, quella che praticamente ogni notte, da tempo, torna a raccontarsi dentro uno stabile in via Bartolomeo Rusca, a tre passi da Piazza Grande, lungo la stradina di collegamento fra la parte bassa e quella alta del centro cittadino. L'edificio in questione è fatiscente, così come deprimente è il mosaico di bucalettere all'entrata, con i nomi scarabocchiati a penna, quasi a certificare il malessere che si esprime negli appartamenti e che come colla si appiccica al vicinato – o all'ospite che alloggia nelle diverse strutture d'accoglienza presenti – costretto notte dopo notte ad assistere ad un teatro dell'assurdo, con la frustrazione di non poter far nient'altro se non chiamare la Polizia comunale. Il risultato sono interventi in serie per calmare gli animi e richiamare all'ordine, ben sapendo che con buone probabilità presto tutto quanto ricomincerà daccapo.

Che la situazione sia qualcosa di più che semplicemente fastidiosa lo conferma lo stesso comandante della Polcom. Dimitri Bossalini ricorda infatti le frequenti segnalazioni e le conseguenti visite degli agenti, dovute a derive nei comportamenti di alcuni degli inquilini, che vanno oltre il disturbo della quiete pubblica e sfiorano o toccano l'ambito penale. «Si tratta in effetti di un contesto particolarmente sensibile, in cui alcune persone con ogni evidenza non sanno come sia lecito comportarsi, tanto da farci interrogare su eventuali misure di contenimento o di fermo, perché qui è in gioco la vivibilità nel quartiere. Va comunque tenuto conto che un'ingiunzione di sfratto è sempre di competenza del proprietario». Proprio ieri dagli uffici della Comunale è partito un corposo rapporto all'indirizzo dei preposti uffici cantonali, della Magistratura e delle Arp, affinché sia possibile concertare una risoluzione del problema.

“Poco accorti nelle scelte...”

Raggiunto dalla 'Regione', l'amministratore dello stabile non nasconde la gravità della situazione. La sua testimonianza è significativa perché permette di capire come si generino casi di questo genere e come diventi poi estremamente difficile risolverli. «A monte – dice l'uomo, chiedendo l'anonimato – c'è stata direi poca accortezza quando si trattava di decidere chi potesse abitare nell'edificio in questione. Così alcuni appartamenti sono stati dati in affitto a profili particolari, che si sono poi rivelati molto problematici quando è arrivato un ulteriore inquilino che ha un po' scombussolato le dinamiche interne, creando alleanze, ripicche e discussioni che talvolta sfuggono al controllo e trascinano con sé la calma notturna, creando grande fastidio a chi è a portata d'orecchio». Sostanzialmente, aggiunge, «le comprensibili lamentele del vicinato sono legate ai comportamenti da parte degli occupanti di non più di tre appartamenti. Ma non dico niente di nuovo se ricordo che ne basta uno, per generare confusione». Alla domanda se non sia possibile fare nulla più che la prevenzione “verbale” e la puntuale repressione tramite intervento di polizia, l'amministratore ammette che «tre ingiunzioni di sfratto sono già state intimate, tutte con scadenza a fine maggio. Questo, anche in relazione a mancati pagamenti dell'affitto (un altro problema che si aggiunge). Con tutti gli atti in mano proprio oggi (ieri per chi legge, ndr) cercheremo di sensibilizzare il pretore affinché possano essere presi dei provvedimenti concreti». Un aspetto che non può essere perso di vista, rileva, «è una certa responsabilità che abbiamo pur sempre nei confronti di queste persone. Non possiamo semplicemente lasciarle per strada. Per una abbiamo già trovato una soluzione alternativa e il trasloco dovrebbe andare in porto a breve. Per le altre due la situazione è più complicata, ma non dubito che, per la pace di tutti, anche di chi vive di turismo e deve gestire un'attività nel nucleo, si arriverà a mettere la parola fine a questa vicenda che è davvero brutta e triste per tutte le persone che vi sono coinvolte».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
19 min
Acque, il tasso d’interesse è spropositato
Per le rate decennali sui contributi comunali si applica un saggio composto del 5%. Chiesto un adeguamento alla mutata situazione
Ticino
24 min
Dalle 20 di nuovo in viaggio i treni fra Lugano e Mendrisio
La riapertura di uno dei due binari consentirà una prima ripresa del traffico, il secondo binario dovrebbe essere rimesso in funzione domattina alle 6
Bellinzonese
31 min
Pro Natura Lucomagno, albergo e ristorante resteranno chiusi
La non riapertura è legata 'a lavori di ristrutturazione interna' e alle relative difficoltà finanziarie. In ogni caso sono previste diverse alternative.
Bellinzonese
50 min
Forfait letti e case secondarie: il Tf respinge il ricorso
È la prima di una serie di sentenze. Proprietaria a Carì contestava l'ammontare deciso dall'Otr e il metodo previsto dalla Legge sul turismo
Luganese
1 ora
Truffe Covid, le difese chiedono riduzioni di pena
Alle Assise criminali di Lugano i legali contestato il reato di truffa e sottolineano: gli imputati non si sono arricchiti. Domani la sentenza
Luganese
1 ora
Cade scendendo dal San Salvatore e batte la testa: è grave
Protagonista di un infortunio avvenuto in territorio di Pazzallo un 80enne domiciliato nel Canton Basilea Campagna
Luganese
1 ora
Casinò di Campione: 'Riapriremo entro fine anno'
La società di gestione della casa da gioco si rallegra della decisione del Tribunale di Como che ha ammesso il piano di concordato e il progetto
Ticino
1 ora
Bertoli: 'Un anno di scuola in presenza, obiettivo raggiunto'
Alla conferenza stampa di fine anno scolastico c'è soddisfazione: 'Non era scontato, è andata bene grazie all'impegno di tutti gli attori coinvolti'
Ticino
1 ora
Pandemia, il prezzo della scuola ‘in presenza’
I docenti sottolineano le difficoltà incontrate in un anno per nulla ‘normale’ e chiedono un sostegno per gli allievi lasciati indietro
Locarnese
1 ora
Pedemonte, moltiplicatore e investimenti fanno a pugni
Municipio contrario all'abbassamento della pressione fiscale visti gli investimenti in arrivo. Accolti consuntivo e Piano particolareggiato zona monumentale e Stazione
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile