laRegione
10.06.21 - 10:22
Aggiornamento: 15:44

La rete ‘alternativa’ che pesca l'acqua sotto P. Grande

Locarno punta sull'anatermica e pensa ad un anello di distribuzione sotterraneo in Città Vecchia. Proprietari “sondati” con un formulario

la-rete-alternativa-che-pesca-l-acqua-sotto-p-grande
Ti-Press
Tutto si gioca lì sotto

Il Municipio di Locarno invierà nei prossimi giorni una lettera a tutti i proprietari delle abitazioni potenzialmente interessate dalla futura rete di distribuzione per la generazione di calore o il raffreddamento degli edifici, prevista nel quartiere di Città Vecchia. Lo comunica la Città in una nota.

“La necessità di preservare l’ambiente e la Terra che ci ospita grazie a scelte più sostenibili è ormai innegabile – è la premessa –. Locarno, Città dell’Energia dal 2012, per il tramite del suo Ufficio Energia si impegna da tempo a tale scopo su vari fronti. Tra questi, anche quello della ricerca di fonti di calore e raffreddamento per i nostri edifici. Proprio a tal proposito, e ritenendo vi sia tuttora ampio margine per poter coprire i fabbisogni nel modo più sostenibile possibile, il Municipio sta valutando la costruzione di una futura rete di distribuzione di acqua di falda per la produzione di calore in Città Vecchia, e desidera informare i proprietari degli stabili potenzialmente interessati per capire come meglio procedere tenendo conto anche di tale possibilità”.

Da un primo studio di fattibilità già eseguito sono emersi potenziali considerati estremamente interessanti, che permetterebbero di generare una rete di distribuzione tramite una condotta da posare sotto il campo stradale, a cui ci si potrà allacciare e in seguito, tramite una pompa di calore, generare il calore o il raffreddamento necessario agli edifici e alle abitazioni. Il progetto prevede di raccogliere acqua di falda dalla Piazza Grande a temperatura di circa 15-17° e generare un anello di distribuzione che da via Marcacci segue la via Borghese, per poi scendere lungo via Corporazioni e, tramite via Cittadella, ritornare in Piazza Grande, sempre lungo su via Marcacci. La resa dell’acqua raccolta avverrà poi attraverso un canale che convoglia le acque a lago.

Per proseguire nel progetto tenendo conto dell’impiego della rete per le abitazioni, il Municipio ha pertanto ritenuto utile sondare già in questa fase il possibile interesse dei proprietari. Nei prossimi giorni verrà quindi trasmessa la lettera, con un formulario, a tutti i proprietari potenzialmente interessati, dai quali ci si attende una risposta già entro il 25 giugno. Oltre all’indicazione circa l’interessamento o meno ad una futura rete di distribuzione di acqua di falda, il questionario (che non comporta alcun impegno formale) interroga in merito alle informazioni principali relative agli impianti di produzione calore presenti nelle proprietà. Qualora questi dati non dovessero essere noti da parte dei proprietari, l’Ufficio Energia rimane disponibile allo 091 756 32 11 o scrivendo a citta.energia@locarno.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
29 min
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
16 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
17 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
18 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
18 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
19 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
© Regiopress, All rights reserved