laRegione
Svizzera
Turchia
18:00
 
Italia
Galles
18:00
 
BRENGLE M. (USA)
GOLUBIC V. (SUI)
17:45
 
SAMSONOVA L. (RUS)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-1 : 6-3)
chiusura-novartis-a-locarno-il-sindaco-inaspettata
Verranno persi circa 50 impieghi (Ti-Press)
Locarnese
09.06.21 - 15:330
Aggiornamento : 17:27

Chiusura Novartis a Locarno, il sindaco: ‘Inaspettata’

Commenti e un'interpellanza al governo sulla partenza, per fine 2023, del colosso farmaceutico

La notizia della chiusura, entro fine 2023, dello stabilimento di Novartis in città (che comporterà la perdita di una cinquantina di posti di lavoro) è un brutto colpo per l'occupazione nella regione. Non vi erano segnali premonitori che lasciassero intendere un simile provvedimento e quindi anche le autorità cittadine hanno preso atto, con stupore, della decisione del gigante farmaceutico basilese.

«Il mio primo pensiero di solidarietà va ai dipendenti toccati dalla decisione di Novartis e alle loro famiglie, raggiunte da questa brutta notizia proprio in un periodo difficile per l'economia – commenta Alain Scherrer, sindaco di Locarno –. Dispiace anche per la Città, che ha cercato in ogni modo, in tutti questi anni, di essere vicina all'azienda; a lei e a tutte le realtà imprenditoriali e industriali presenti sul nostro territorio. Proprio con i vertici di Novartis a Locarno abbiamo anche collaborato a livello pianificatorio, con delle modifiche che accontentassero tutti. Purtroppo come Municipio non possiamo che prendere atto di questa chiusura, inaspettata; dovremo per forza chinarci su come attrarre e mantenere, nei nostri confini, realtà aziendali in grado di generare occupazione. Ricordo che a tale scopo abbiamo costituito un'apposita commissione e creato LocarnoTech, piattaforma per un potenziale centro di competenza negli ambiti della robotica, della meccatronica, dell’automazione e dell’industria 4.0. In tempi recenti, non dimentichiamolo, ci siamo attivati pure a livello di mobilità, cercando di accrescere l'offerta del trasporto pubblico e migliorando le vie di comunicazione. Tuttavia è chiaro che di fronte a decisioni come questa, che non dipendono dalla nostra volontà politica, non possiamo fare nulla».

Segnali preoccupanti? In realtà la disoccupazione cala...

La Schindler che riorganizza e, stando a quanto già anticipato da laRegione, licenzia alla spicciolata. Ora Novartis che annuncia l'abbandono della sede di Locarno.
Segnali preoccupanti dal mondo del lavoro? «Non è semplice dare una risposta – afferma Silvano Beretta, responsabile cassa disoccupazione dell'Ocst –. Ovviamente la notizia di Novartis, con la perdita di una cinquantina di impieghi, non fa piacere e va analizzata. Tuttavia, sull'altro piatto della bilancia occorre mettere il calo della disoccupazione nella nostra regione, in discesa da alcuni mesi. Di più: le medie e grosse industrie presenti sul territorio non hanno più richiesto le indennità per lavoro ridotto, nonostante ne avessero ancora la possibilità. E questi sono indicatori positivi».
Il calo della disoccupazione, avverte Beretta, è da ricondurre sostanzialmente al settore dell'accoglienza turistica: «Un settore che sta riprendendo a girare a pieno ritmo. Inoltre per le nuove misure sanitarie contro la pandemia, gli albergatori e i ristoratori hanno bisogno di un numero maggiore d'impiegati». Ad esempio, il buffet delle colazioni ha dovuto essere sostituito con un servizio al tavolo, che richiede più personale: lo stesso dicasi per pulizie e per altri servizi.

Interpellanza al governo

Sulla chiusura di Novartis a Locarno interviene il gruppo parlamentare Mps-Pop-Indipendenti con un'interpellanza al Consiglio di Stato, firmata da Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori. «Appare incomprensibile e assolutamente inaccettabile che questo colosso multinazionale decida semplicemente di chiudere baracca e burattini, distruggendo una competenza collettiva e soprattutto lasciando per strada un numero importante di dipendenti – scrivono i tre parlamentari –. Tale decisione dimostra una volta di più il fallimento (e l’assenza) della politica di sviluppo economico del Consiglio di Stato, del Dfe e dei partiti che sostengono l’esecutivo». Infine chiedono al governo “cosa intende fare per obbligare Novartis a ritornare sulla sua decisione di chiusura dello stabilimento di Locarno? Quali sono state le agevolazioni finanziarie e fiscali (cantonali e comunali) ottenute negli ultimi anni da Novartis a Locarno?”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Locarno, non vi fu alcun pestaggio in gendarmeria
Il Tribunale federale scagiona i due agenti dall'accusa di aver picchiato, nel 2013, un automobilista italiano fermato perché ubriaco
Luganese
4 ore
I sette municipali di Lugano davanti ai magistrati
Saranno ascoltati martedì mattina in forma separata e in contemporanea sulla demolizione dell'ex Macello. Ancora diversi i punti da chiarire
Luganese
6 ore
Aeroporto di Lugano, altro ricorso
Le cordate Northern Lights e Team Lug contestano l'ultima decisione del Municipio: vi sarebbe il rischio di altre esclusioni senza chiare motivazioni
Locarnese
23 ore
Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'
Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso
Luganese
1 gior
Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti
Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi
Mendrisiotto
1 gior
Giovani rubano un furgone e lo fanno affondare nel Ceresio
La vicenda è avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. È stata aperta un'inchiesta
Bellinzonese
1 gior
Serravalle, un sentiero interattivo fra natura e storia
Il progetto 'Salamandra Vagabonda' partirà la prossima primavera e permetterà di scoprire le ricchezze del territorio delle frazioni di Ludiano e Semione
Ticino
1 gior
‘Avvocati, meno generalisti e sempre più specialisti’
Gianluca Padlina alla sua ultima partecipazione in veste di presidente dell’Ordine a una cerimonia per l’avvenuta promozione di nuovi legali. A ventotto il brevetto
Locarnese
1 gior
Isole, un rilancio da primato storico assoluto
Dall'apertura della stagione sfondato il tetto dei 50mila visitatori. Il coordinatore Veronese: “Passione, collaborazione e impegno ampiamente condivisi”.
Ticino
1 gior
In Marocco perseguitano i gay, ma non per la Sem
La Segreteria della migrazione svizzera vuole rimandare in patria un ragazzo che per la sua omosessualità rischia le botte e la galera.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile