laRegione
02.06.21 - 19:44
Aggiornamento: 22:09

Molinari-patrioti: 100 a 2. Il temuto scontro non c'è

Oggi a Locarno, per la manifestazione pro Csoa luganese, si attendeva una fazione antagonista pronta ad affrontare i “criminali e degenerati”

molinari-patrioti-100-a-2-il-temuto-scontro-non-c-e
Ti-Press/Golay
+1

Si è idealmente stemperata nel fruscio di due bandiere svizzere riarrotolate e riposte, la tensione che ha accompagnato a Locarno la manifestazione a sostegno dei molinari luganesi. Il contingente dei Giovani patrioti ticinesi atteso in stazione a Muralto dalle 18 per una contromanifestazione si è infatti fermato a due giovani elementi, che dopo una mezz'ora abbondante di attesa di rinforzi hanno reimpacchettato il loro scarno armamentario per tornarsene a casa. «Probabilmente – hanno spiegato alla “Regione” i due ragazzi, riconoscibili per la loro T-shirt nera con la sagoma del canton Ticino e l'effigie del gruppo – è stato a causa del preavviso troppo stretto dato agli altri». Il tam-tam d'invito al presidio è infatti scattato soltanto ieri sera, martedì, raccogliendo tutt'al più qualche “like”, ma nessun movimento spontaneo fin sulle rive del Verbano.

Nell'ottica di uno svolgimento pacifico dell'incontro fra e per i molinari, è stato meglio così. Questo, considerando che sotto il termine “Mobilitazione”, il volantino dei patrioti chiedeva ai simpatizzanti di “agire contro la violenza, la criminalità e il vandalismo dei molinari!”. Autogestiti che, avvisavano gli organizzatori della contromanifestazione, si sarebbero incontrati dalle 17 in zona Castello Visconteo. L'appello degli oppositori era quello di “scendere in piazza per dire stop alla degenerazione degli autogestiti”. Degenerati ma non solo, anche “criminali nelle strade” – così sono stati definiti i ragazzi vicini al Csoa il Molino – che farebbero della violenza e dell'intimidazione le loro armi.

Di degenerazione, violenza e intimidazione non s'è naturalmente vista l'ombra, in Piazzetta Remo Rossi. Sotto il Castello il centinaio abbondante di manifestanti pro Molino ha testimoniato la vicinanza agli amici orfani del centro sociale autogestito annientato sabato notte dalle ruspe, con canti, balli, qualche parola di circostanza e una lettura. L'unico neo, a volerlo cercare, stava nell'assenza pressoché generalizzata di mascherine...

Dovutamente protetti erano invece, in stazione, i due Giovani patrioti, i cui movimenti sono stati osservati da un discreto presidio di polizia (comunale e Polfer). Controllati all'arrivo, ricontrollati prima della partenza da due agenti in borghese, i ragazzi hanno infine desistito, mentre un chilometro a sud si continuava a bere e a ballare.  

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
9 min
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
9 min
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
9 min
Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra
L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
6 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
9 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
10 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
11 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
13 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
13 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
13 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
© Regiopress, All rights reserved