laRegione
20.05.21 - 16:15
Aggiornamento: 17:22

Sentieri non ufficiali, il lavoro della SNU nel Pedemonte

La cura e manutenzione dei percorsi non muniti della particolare segnaletica di SvizzeraMobile è affidata a un'apposita squadra

sentieri-non-ufficiali-il-lavoro-della-snu-nel-pedemonte

Conservare e sviluppare la qualità del paesaggio. Quanto sia importante, per una regione a vocazione turistica come la nostra, puntare sull'ambiente, sulla natura, sulle passeggiate lungo i sentieri che per chilometri si snodano tra i boschi, è sotto gli occhi di tutti ed è inutile ribadirlo. Se il lavoro di ripristino stagionale, cura e manutenzione della rete sentieristica ufficiale è di competenza, nella nostra regione, dell'Organizzazione turistica Lago Maggiore valli (che a tale scopo si appoggia su una squadra di provata esperienza), per tutte quelle stradine di montagna disseminate nel comprensorio che non sono inserite nella lista, Comuni e i Patriziati devono arrangiarsi e far capo alle proprie risorse e ai propri incaricati (spesso su base di volontariato). Un impegno oneroso sia in termini di costi, sia di risorse umane, quello della gestione dei camminamenti. Nelle Terre di Pedemonte, è un'apposita associazione (SNU Pedemonte) incaricata di questo compito.

A lei, tramite i suoi operai, il compito di salvaguardare 18 km di percorsi pedestri che si snodano in contesti anche accattivanti, come il Castelliere di Tegna, il Monte Salmone, la Colma o l'area Bora. Per far sì che gli spostamenti avvengano in tutta sicurezza e che le destinazioni diventino sempre più meta ambita, alla fine dell'inverno gli addetti iniziano i loro lavori di pulizia, sistemazione del fondo, rimozione alberi caduti e, in generale, di manutenzione. Possono contare sull'aiuto economico dei due enti pubblici citati, come pure sui contributi di privati che hanno a cuore le sorti dei monti. Proprio allo scopo di meglio farsi conoscere dal pubblico e di raccogliere aiuti, l'associazione ha pubblicato, nelle scorse settimane, un opuscolo informativo, con tanto di cartina geografica inviato a tutti i fuochi dell comprensorio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
9 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
10 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
12 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
12 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
13 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
13 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
16 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved