laRegione
premio-europeo-al-museo-di-bosco-e-merito-della-comunita
(Foto archivio Ti-Press)
 
14.05.21 - 20:060

Premio europeo al Museo di Bosco: ‘È merito della comunità’

Forte di un tributo alla propria capacità di coinvolgere ed evolversi, la consolidata istituzione a difesa della cultura Walser guarda al futuro

Un riconoscimento non solo ai contenuti e alla loro presentazione, ma anche al modo di crearli grazie al coinvolgimento attivo dell’intera comunità. È quanto attesta il prestigioso premio europeo Meyvaert per l'impegno nella sostenibilità sociale, economica e ambientale conferito la scorsa settimana al Museo Walserhaus di Bosco Gurin nell’ambito del concorso Emya. 

La notizia, oltre all’orgoglio, ha destato grande sorpresa nella realtà vallerana: «Come museo così piccolo non credevamo di poter competere a simili livelli – confessa la curatrice Cristina Lessmann - Della Pietra –. Anzi, non avremmo mai pensato nemmeno di candidarci se non fosse stato per Susann Bosshard, già responsabile per la Svizzera del concorso Emya, che dopo una visita al museo si è dimostrata così entusiasta da spingerci a partecipare».

Il museo etnografico, nato nel 1938 e primo di questo genere nel cantone, è gestito dall’associazione Walserhaus Gurin che si prefigge tre obiettivi: rappresentare la storia e la cultura della comunità Walser locale nonché quella delle altre colonie Walser dislocate altrove; salvaguardare il patrimonio storico, culturale e linguistico dei Walser di Gurin – ad esempio cercando di mantenere in vita il dialetto ‘guriner deutsch’ –; e promuovere e sostenere i progetti che mirano a incrementare all’esterno della comunità la comprensione delle sue origini, storia e tradizioni.

Un progetto partecipativo

«Alla giuria del premio è piaciuto il fatto che non si tratta di un museo classico chiuso su sé stesso – spiega Lessmann - Della Pietra –. Abbiamo sì il comitato, l’associazione, i collaboratori, però nella varie attività sono coinvolte persone della comunità di Bosco, non solo i residenti ma anche coloro che spesso tornano in quello che è il proprio villaggio d’origine a cui sono molto legati. Tutti danno un contributo in base alle proprie conoscenze e specializzazioni. Abbiamo ad esempio fatto delle uscite sulla tematica della flora con un botanico, una passeggiata geologica con un esperto in materia. O ancora, quando abbiamo rinnovato l’esposizione, diversi attinenti del luogo hanno registrato la lettura di testi in tedesco di Gurin, voci che si possono ascoltare nell’esposizione. Sono dunque le persone che appartengono alla comunità o che vi sono legate a far vivere ed evolvere il museo».

Guardando al futuro sono due i progetti in preparazione. «Stiamo allestendo l’albero genealogico di Bosco Gurin, che fino agli anni 40 era stato completato da uno storico. Ora l’obiettivo è di aggiornarlo fino ai nostri tempi con l'aiuto di tutte le famiglie e di fare una mostra l’anno prossimo. E poi stiamo lavorando al secondo vocabolario dei verbi e altre parti del discorso di Bosco Gurin, che va ad aggiungersi al primo sui sostantivi uscito qualche anno fa. Speriamo di concludere il lavoro in un paio d’anni».

Il museo – che normalmente è in attività da metà aprile a metà ottobre – continua a suscitare grande interesse: «Prima della pandemia arrivavano circa 3’500 visitatori all’anno, cifra leggermente in aumento nell’ultimo decennio. L’anno scorso abbiamo aperto più tardi e comprensibilmente abbiamo avuto un po’ meno visitatori, ma quando siamo ripartiti abbiamo constatato una buona affluenza. E pure adesso osserviamo la stessa tendenza nonostante le limitazioni ancora in vigore». I riconoscimenti arrivano dunque da più parti per un lavoro portato avanti con grande convinzione.


Adesione alla Giornata internazionale dei musei

Domenica 16 maggio, in occasione della Giornata internazionale dei musei, il Museo di Bosco Gurin in collaborazione con il Museo di Vallemaggia proporranno durante il pomeriggio (13.30-16.15) diverse attività: dalla scoperta degli oggetti di una volta attraverso il loro corrispondente moderno, alla visita guidata del villaggio. In caso di brutto tempo l’evento è annullato. Per maggiori informazioni consultare walserhaus.ch/it/manifestazioni o chiamare lo 078 691 18 46.

Anche il Museo di Val Verzasca partecipa all’iniziativa. Aprirà come di consueto alle 11 e nel pomeriggio i visitatori saranno accolti da una guida TaM (iniziativa nazionale TaM-Tandem al Museo) per una visita di 20 minuti inconsueta. Con il motto della giornata “I musei ispirano il futuro”, i partecipanti si lasceranno ispirare da un colore, un’immagine e una parola. Entrata e visita TaM gratuite; iscrizione sul posto. Per altre dettagli: museoverzasca@gmail.com o 079 800 33 84.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Lo chiede con un’interpellanza Antoine Ndombele
Mendrisiotto
2 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
2 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
8 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
8 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
8 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
17 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile