laRegione
per-fare-il-bosco-ci-vuole-un-fiore-e-una-sezione-forestale
Faggete di Lodano (foto Dt)
laR
 
04.05.21 - 05:30
Aggiornamento : 12:15

Per fare il bosco ci vuole un fiore (e una sezione forestale)

Diversi i progetti portati avanti in Vallemaggia, fra sensibilizzazione, tenuta e pulizia del territorio

di Shila Dutly Glavas
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Per fare un tavolo ci vuole l'albero, per fare l'albero ci vuole il seme”, cantava Sergio Endrigo nella sua “Ci vuole un fiore”. Così raccontava l'importanza e la ciclicità della natura. Il bosco è il patrimonio naturale più esteso del nostro cantone: circa la metà della superficie del Ticino è ricoperta da alberi e arbusti di una grande moltitudine di specie. Un bene collettivo dal valore inestimabile che in parte si rigenera in modo autonomo ma che, essendo chiamato a soddisfare anche le esigenze dell'uomo, va gestito con cura e secondo il principio di sviluppo sostenibile. 

A occuparsi di ciò è il Servizio forestale cantonale, che si suddivide in nove circondari dislocati sul territorio. Quali sono le attività principali svolte? Lo abbiamo chiesto all’ingegnere forestale Thomas Schiesser, capo dell’Ufficio forestale settimo circondario, che opera in Vallemaggia con sede a Cevio. «Il nostro lavoro si basa su più fronti e aspetti concernenti la gestione, improntata sulla cura del bosco. Abbiamo una parte più tecnica che va dalla progettazione di opere contro i pericoli naturali, come ad esempio la costruzione di premunizioni valangarie, torrentizie e contro la caduta di sassi, oppure lavori di consolidamento dove si sviluppano erosioni, fino agli interventi selvicolturali – spiega Schiesser –. C'è poi una parte più legata ad aspetti di mantenimento e promozione della biodiversità, con la creazione di riserve forestali, recupero di selve castanili o di lariceti pascolati, progetti a favore dell’habitat di specie faunistiche e floristiche prioritarie a livello nazionale, misure d'intervento contro fitopatie che possono presentarsi nelle nostre foreste, fino ad arrivare alla consulenza ai privati e agli Enti pubblici per tutte le attività legate alla gestione del bosco».

Attualmente, solo per quanto concerne il territorio valmaggese, sono quasi un'ottantina i progetti portati avanti dalla sezione: 45 sono in corso mentre 36 in fase d'approvazione. I proponenti sono soprattutto Comuni, Patriziati, fondazioni e associazioni, sempre più sensibili alla questione ambientale. «Rispetto al passato c'è molta più attenzione e partecipazione. Il bosco non è più percepito come un luogo da lasciare a se stesso, ma viene ricercato, recuperato e valorizzato anche con interventi esigui ma efficaci. E questo si vede a più livelli: gli enti locali da una parte propongono un'idea, il Cantone e la Confederazione promuovono i progetti con sussidi che possono arrivare al 50-70 per cento, e noi infine, che abbiamo un mandato tramite il Cantone, ci occupiamo di analizzare le proposte per capire se sono fattibili o meno», ci dice Schiesser. 
In Vallemaggia sono diverse le iniziative interessanti. Pensiamo alle Valli di Lodano, Busai e Soladino, uniche nel loro genere sia da un punto di vista paesaggistico che storico, in lizza per ottenere l'ambito riconoscimento Unesco per le faggete. Oppure, sempre restando nel Comune di Maggia, il percorso golenale, un sentiero naturalistico lungo le rive del fiume. E poi ancora, a Prato Sornico, in Lavizzara, il percorso sensoriale.

«Stiamo assistendo a una importante rivoluzione. L'educazione ambientale sta prendendo sempre più piede – conclude l'intervistato -. Siamo solo agli inizi ma ha grandi potenzialità. Trent'anni fa il bosco era visto come un elemento semplicemente da tenere pulito pulire. Oggi non è più così: non curiamo più solo il verde, ma educhiamo le nuove generazioni al rispetto di esso, perché ne dipendiamo».
Se, tornando a Endrigo, “per fare tutto ci vuole un fiore”, è pur vero che il senso della canzone sta nel suo incipit: “le cose di ogni giorno raccontano segreti a chi le sa guardare ed ascoltare”. Anche il bosco ha i suoi segreti che stanno lì, davanti a tutti, pronti a essere scoperti e apprezzati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco forestale progetti territorio vallemaggia
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’
L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
2 ore
‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’
Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Locarnese
2 ore
‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’
Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Grigioni
10 ore
San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura
Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Ticino
12 ore
Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’
Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
12 ore
Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari
La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Ticino
12 ore
Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti
L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
13 ore
Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima
Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
13 ore
Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’
Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
14 ore
Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato
Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
© Regiopress, All rights reserved