laRegione
03.05.21 - 09:50
Aggiornamento: 11:12

Petra Vanoni, in Pretura a Cevio con ‘fierezza vallerana’

Convinta dell'importanza dei tribunali di prossimità per la garanzia di un effettivo accesso alla giustizia, prende il posto di Siro Quadri

petra-vanoni-in-pretura-a-cevio-con-fierezza-vallerana
La nuova eletta al centro, durante la cerimonia di giuramento

Da oggi, lunedì 3 maggio, Petra Vanoni è in carica quale nuovo pretore della Vallemaggia, nonché giudice della Pretura penale di Bellinzona. Prende il posto che Siro Quadri ha occupato per 14 anni. Lo scorso febbraio il Gran Consiglio l’ha preferita, a sorpresa, a Manuel Bergamelli, l’altro candidato rimasto in lizza per il posto, che aveva i favori della maggioranza della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’. Di formazione avvocato, nel 2006 è entrata a far parte dell’organico della Pretura penale, in cui fino ad ora ho operato in veste di vicecancelliera. Attinente di Iragna, dove dal 2008 al 2017 ha rivestito la carica di vicesindaco, attualmente è domiciliata nel Bellinzonese. Terminata l’attività politica, ha deciso di rimettersi a studiare, ottenendo a gennaio un Certificato di studi approfonditi in magistratura all’Università di Neuchâtel.

Che cosa l’ha portata a candidarsi come pretore?

A spingermi è stata la voglia di affrontare una nuova e stimolante sfida professionale, con la consapevolezza di aver acquisito il necessario bagaglio giuridico e personale per crescere ulteriormente.

Come mai ha postulato per questa carica a Cevio? Che rapporto ha con la regione?

L’attaccamento alle valli, la mia vicinanza a questa splendida regione e l’opportunità di poter esercitare in una Pretura di prossimità sensibile alla realtà locale mi hanno portata senza indugio a postulare per questa carica. Come i valmaggesi, sono fiera di essere “vallerana”. Ho inoltre un legame speciale con la Vallemaggia: per me rappresenta, simbolicamente, una terra di primi passi. Quelli mossi a Cerentino all’età di un anno quando ho iniziato a camminare, quelli mossi vent’anni fa da praticante quando ho affrontato la prima udienza e ora con i primi passi da magistrato.

Conta di trasferirsi in Vallemaggia? Ritiene importanti la vicinanza ai cittadini e la conoscenza del territorio per svolgere questo ruolo?

Per la questione del domicilio valuterò una soluzione adeguata. Non tanto perché questo costituisca garanzia di buon funzionamento della Pretura, come del resto testimoniano le altre Preture di valle dove tutti i pretori vivono in altri distretti, ma poiché sono sensibile alle preoccupazioni e rivendicazioni espresse da più parti in questi mesi. La vicinanza alla gente e la conoscenza del territorio possono senz’altro contribuire a creare fiducia e quindi una migliore accettazione delle decisioni. Vicinanza sì, ma non troppo però, nella misura in cui potrebbe entrare in conflitto con i principi d’indipendenza, d’imparzialità e con il dovere di riservatezza del giudice. Non temo l’accoglienza dei valmaggesi, ai quali porto grande rispetto per la loro forte identità.

Per quale motivo, oltre che a Bellinzona, ha scelto di operare in una piccola realtà di periferia? Quali sono i pro e i contro?

Come detto, provengo da una piccola realtà, simile a quella della Vallemaggia – si pensi alla presenza delle cave –, che tenta di affermare la propria autonomia e di offrire un’immagine positiva e forte, che attragga nuova linfa. Ho sempre creduto nel potenziale delle valli. Decisivo è poi stato il fatto che il pretore di valle è anche giudice della Pretura penale, dove sapevo di poter essere operativa da subito. Ed è proprio il doppio ruolo a rendere unico e appassionante questo lavoro. Nella pluridisciplinarità (civile e penale) non vedo particolari problemi che non potrebbero essere superati con un’efficace pianificazione del lavoro.

Hanno ancora senso di esistere le Preture discoste come questa?

La presenza delle istituzioni e in particolare delle Preture, come tribunali di prossimità, nelle realtà più periferiche è fondamentale per la fiducia del cittadino nelle istituzioni stesse e per la garanzia di un effettivo accesso alla giustizia. La Pretura di Vallemaggia è a tutti gli effetti un’entità consolidata, che dà lavoro a quattro persone fisse, domiciliate in valle, oltre a formare futuri avvocati. Non solo. Così come le altre Preture di valle, è inoltre pilastro fondamentale della Pretura penale, alla quale è indissolubilmente legata. Ha quindi tutta la sua legittimità di esistere.

Come si pone rispetto all’attività del suo predecessore e cosa eredita da lui?

Il mio compito è quello di dare continuità da subito al notevole lavoro svolto dal giudice Quadri per la Pretura di Vallemaggia, dove la situazione degli incarti è molto buona, e per la Pretura penale, dove negli anni ha saputo smaltire numerosi incarti, fornendo un apporto fondamentale all’equilibrio strutturale della stessa. Da lui eredito senz’altro un team, tutto al femminile, dinamico e sperimentato, con il quale cercherò, senza apportare stravolgimenti, di trovare il giusto equilibrio per una giustizia altrettanto vicina al cittadino, efficace e celere.

Come ha vissuto l’annuncio della sua nomina un po’ a una sorpresa?

Con grande commozione e un’incontenibile euforia che ho condiviso con mio marito.

In vista del rinnovo dei mandati al Ministero pubblico, lei era in lizza anche per diventare procuratrice pubblica. Come mai ha ritirato la candidatura?

Poiché i presupposti per cui mi ero candidata – dopo la riapertura del concorso – alla carica di procuratrice pubblica erano nel frattempo venuti meno. Alla luce del preavviso della Commissione giustizia e diritti che aveva ritenuto perfettamente (ri)eleggibili i cinque procuratori pubblici uscenti, in precedenza preavvisati negativamente dal Consiglio della magistratura, non aveva più senso mantenere la mia candidatura.

Come valuta la presenza delle donne nel settore giudiziario ticinese?

È purtroppo insoddisfacente per quanto attiene all’accesso alla magistratura, soprattutto al Tribunale di appello, dove le giudici donne si contano sulle dita di una mano (su 28 giudici). Più incoraggiante è la situazione all’interno del Ministero pubblico e forse, con la mia elezione, delle Preture. Ma c’è ancora parecchio da fare. Inoltre il Ticino, a differenza di molti altri Cantoni, allo stato attuale non conta una sola carica in magistratura a tempo parziale, ciò che rende ancor più arduo, per quanto non impossibile, conciliare il ruolo di mamma con quello di magistrato.

Con che spirito affronta l’inizio del suo nuovo lavoro?

Con entusiasmo, determinazione, voglia di fare e quel “pizzico” di timore tipico delle grandi sfide della vita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
4 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
6 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
6 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
9 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
9 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
16 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
18 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
19 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
20 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
© Regiopress, All rights reserved