laRegione
intragna-sale-il-numero-degli-alunni-positivi
29.04.21 - 12:13
Aggiornamento: 15:09

Intragna, sale il numero degli alunni positivi

Mentre i genitori, arrabbiati, scrivono alle istituzioni preposte per chiedere spiegazioni. Dito puntato sull'informazione tardiva e la mancata chiusura dell'asilo

Sconcerto e rabbia, tra diverse famiglie centovalline, per la gestione dei casi positivi al Covid nella sede scolastica d'Intragna. Istituto nel quale, lo scorso fine settimana, gli alunni sono finiti in confinamento (lo rimarranno fino a lunedì 3 maggio) per un non meglio precisato numero di contagi da covid (un paio secondo quanto comunicato inizialmente dal Cantone, una decina, dopo i tamponi eseguiti nelle scorse ore, secondo le nostre informazioni).
In una lettera inviata al medico cantonale, dottor Giorgio Merlani, al Decs, al Dss e al direttore dell'Istituto scolastico, i firmatari chiedono venga fatta luce su alcuni aspetti poco chiari della vicenda. In particolare auspicano delucidazioni sul caso di un'alunna che, benché presentasse i sintomi della malattia già da qualche giorno, ha preso parte alle lezioni, in barba alle raccomandazioni sanitarie che prevedono che un alunno debba rimanere a casa fino a 24 ore dalla sparizione dei sintomi.

'Spazi condivisi, perché la scuola dell'infanzia non è stata chiusa?'

Dito accusatore puntato anche contro la mancata, tempestiva, informazione delle famiglie, alle quali la notizia è stata comunicata solamente domenica 25 aprile, nel pomeriggio. Mamme e papà che hanno firmato la lettera pretendono una spiegazione anche al riguardo della decisione di non chiudere la scuola dell’infanzia. Il rischio è che i bambini, condividendo gli stessi spazi (locali interni della sede, cortile per la ricreazione, mensa come pure il minibus), si contagino a vicenda. Proprio questa ragione, alcune famiglie hanno deciso di non mandare i figli a scuola fino a quando non verranno eseguiti gli accertamenti necessari. Pure il personale della sede è oggetto di domande ("come mai gli autisti dello scuolabus sono stati preventivamente messi in quarantena, mentre la cuoca e la sorvegliante della sede no?" Alle docenti è stato effettuato il test?").
Coloro che hanno firmato il documento ricordano ai destinatari di aver, sin qui, fatto tutto il possibile per evitare simili situazioni, attenendosi scrupolosamente alle normative in vigore. Di fronte a quella che sembra una grave negligenza e al mancato funzionamento delle misure di contenimento pretendono però ora, a giusta ragione, delle risposte.

Il Municipio rassicura: adottate le misure necessarie

Proprio in queste ore alle famiglie degli allievi dell'Istituto è stata inviata una mail nella quale il Municipio conferma l'adozione, immediata, di tutte le misure di sua competenza (trasporto alunni col minibus, refezione, test del personale scolastico). L'autorità, consapevole delle preoccupazioni legate a questa quarantena, invita altresì i genitori a mantenere intatta la fiducia nel medico cantonale e nelle autorità scolastiche preposte.

Leggi anche:

Intragna, scuole elementari in quarantena. Non l'asilo...

Intragna, scuole elementari in quarantena. Non l'asilo...

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alunni covid decs dss giorgio merlani intragna lettera sede scolastica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 min
Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi
I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
24 min
Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’
La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
52 min
Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne
Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
1 ora
Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori
Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Luganese
4 ore
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
5 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
8 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
11 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
14 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
23 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
© Regiopress, All rights reserved