laRegione
laR
 
14.04.21 - 05:30
Aggiornamento: 17:17

Bassa Vallemaggia, l'alta tensione si 'nasconde'

La Ses ha avviato i lavori d'interramento della rete di trasporto e distribuzione tra Avegno e Maggia; 10 milioni per togliere i deturpanti tralicci e fili

bassa-vallemaggia-l-alta-tensione-si-nasconde

Addio ai pali dell’elettrodotto ad alta tensione (50 kV) in una parte del paesaggio della Vallemaggia. Da anni la Società elettrica Sopracenerina (Ses) investe importanti capitali allo scopo di ammodernare la propria rete di distribuzione e distribuzione (si parla d’importi di alcune decine di milioni di franchi all’anno, non certo pochi). Lo fa anche cercando di togliere, laddove possibile, i classici pali e puntando a nascondere dalla vista le linee che spesso deturpano le campagne e i luoghi più panoramici e belli del territorio. L’alternativa ai tralicci è, ovviamente, quella d’interrare le condotte di trasporto dell’elettricità, operazione che porta molteplici vantaggi in relazione in particolare alla qualità dell’erogazione di energia elettrica, alla sicurezza, alla protezione degli uccelli e, come detto, all’estetica. I piloni tradizionali sono infatti un simbolo dell’intervento impattante dell’uomo sull’ambiente naturale, rurale e urbano attraversato. Nonostante le attuali tecnologie consentano di offrire soluzioni alternative e che la sensibilità ecologica (leggasi impulso alle rinnovabili, decarbonizzazione, ecc...) stia imponendo profondi cambiamenti allo stile di vita e nel rapporto con la natura, queste infrastrutture risultano ancor più di primaria importanza.

Un percorso che richiede tempo e grossi investimenti

Integrarli al meglio nel paesaggio circostante non è tuttavia un lavoro che può essere fatto dall’oggi al domani. Sono centinaia di chilometri le linee sostenute da tralicci che si estendono in contesti tipicamente extraurbani, nei campi, nei fondovalle, accanto ai corsi d’acqua e gli abitati.

Le procedure federali per l’approvazione di queste opere risultano, però, molto complesse e lunghe, spiegano alla Ses, poiché vengono tenuti in considerazione molteplici aspetti, tra i quali la pianificazione del territorio, la protezione ambientale e le sinergie con altre reti (telecomunicazione, acqua potabile e rete fognaria).
Entrando nel merito del progetto di messa in cavo di parte della linea Ses ad alta tensione della Vallemaggia, occorre ricordare che essa è stata costruita negli anni ’60 (quando molte zone residenziali ancora non esistevano) in forma aerea ed è composta principalmente da pali in legno e cemento. La tratta interessata da questi lavori si estende su circa 14 km e collega la sottostazione di Avegno (di fronte al Centro Punto Valle) e la sottostazione di Giumaglio (risalendo la Vallemaggia, poco prima del paese di Someo). Il progetto d’interramento è stato suddiviso in 2 tappe e si stima che durerà complessivamente circa 5 anni (2019-2024). In alcuni tratti sono state predisposte, in aggiunta, le necessarie infrastrutture per il futuro parziale interramento della linea SES a media tensione (16 kV). Nell’ambito del progetto in corso sono stati coinvolti il Cantone, il Consorzio Depurazione Acque, i Comuni valmaggesi interessati (in particolare le aziende dell’ACAP) e altri enti (Swisscom, UPC, ecc.). L’investimento complessivo ammonta approssimativamente a 10 milioni di franchi ed è a carico della Società elettrica Sopracenerina.

A beneficiarne sono il paesaggio e la qualità dell’ambiente

Per completare l’opera saranno necessari, come detto, alcuni anni, dal momento che in un primo tempo vengono eseguiti i lavori di genio civile e, in seguito, si procederà alla posa della linea elettrica. Gli interventi avranno un impatto positivo sul paesaggio, sulla qualità dell’ambiente ma anche in termini d'infrastrutture.

Lo conferma Aron Piezzi, sindaco di Maggia: “Come Municipio siamo molto contenti della disponibilità e della collaborazione dimostrata dalla Ses. Grazie a questa sinergia abbiamo ad esempio potuto trarre importanti vantaggi. Penso in particolare, nel tratto tra Lodano e Coglio, all’interramento della rete dell’acquedotto comunale. I terreni liberati dai tralicci rimarranno a disposizione come fondi prativi. Avremo quindi uno spazio naturale migliore sotto il profilo estetico e paesaggistico”.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
18 min
Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta
Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
25 min
Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’
Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
2 ore
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
2 ore
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
10 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
12 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
12 ore
Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni
Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
gallery
Mendrisiotto
12 ore
Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
13 ore
Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave
L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Ticino
14 ore
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
© Regiopress, All rights reserved