laRegione
centro-covid-al-fevi-locarno-batte-cassa
(Ti-Press)
laR
 
13.04.21 - 16:00
Aggiornamento : 17:56

Centro Covid al Fevi, Locarno batte cassa

La Città scrive ai Comuni della regione, chiedendo un contributo ai ‘costi residui’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Chi copre le spese per il Centro cantonale di vaccinazione al Palexpo Fevi di Locarno? Il Cantone, la Città, ma anche i Comuni dei distretti di Locarnese e Vallemaggia, chiamati recentemente alla cassa.

Il Municipio di Locarno nei giorni scorsi ha inviato una lettera spiegando come saranno ripartiti i costi. Il Centro al Fevi resterà aperto fino al prossimo 18 luglio per vaccinare gli abitanti dei due distretti. “La Città mette a disposizione gratuitamente il Palexpo Fevi e diverso materiale logistico (tavoli, sedie, transenne, gazebi) – si legge nella missiva –. Ha inoltre contribuito con il suo personale all'allestimento del centro vaccinale. Parte dei costi logistici da noi anticipati vengono coperti dal Cantone. I costi vivi invece restano a carico del proprietario della struttura”.

E qui entrano in scena gli altri Comuni ai quali viene richiesta una partecipazione alle spese residue, “che comprenderanno il consumo elettrico, il riscaldamento, la presenza del nostro personale, il mancato incasso dei parcheggi ed eventuali altre spese non prese a carico dal Cantone. I costi risultanti verranno ripartiti per Comune a fine periodo, in base al numero di vaccinazioni effettuate per i propri domiciliati”.

Non è dato sapere quanti Comuni abbiano già risposto, dando il loro accordo. Da quanto ci risulta, tuttavia, la lettera della Città non dappertutto sarebbe stata accolta bene. C'è chi solleva dubbi sulla lista delle spese e in particolare su quella del mancato incasso dei posteggi che Locarno ha riservato al Centro cantonale di vaccinazione. Anche la chiave di riparto potrebbe prestarsi a critiche: infatti, i Comuni che più vaccineranno – dimostrando buona volontà e intraprendenza nella lotta contro il Covid – più pagheranno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro covid fevi locarno palexpo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
1 ora
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
20 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved