laRegione
sgombero-dell-area-di-fronte-al-castello-firme-contro
Misure necessarie o da allentare?
laR
 
12.04.21 - 05:25
Aggiornamento : 16:34

Sgombero dell’area di fronte al Castello: firme contro

Al Municipio di Locarno una petizione per una misura considerata eccessiva. Ma la Polizia replica: prevenzione a favore della salute di tutti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sono 102 le firme di una petizione con “Critiche sull’applicazione dei provvedimenti per combattere la pandemia da parte della polizia comunale di Locarno”, inoltrata negli scorsi giorni al Municipio cittadino. Promotore è Ariele Sasselli di Losone, che – nel testo che accompagna le sottoscrizioni – ne spiega i contenuti. “Lo scorso 1 aprile, attorno alle 20.30, una pattuglia della Polizia comunale di Locarno ha chiesto alle persone presenti sull'area di fronte al Castello Visconteo di spostarsi e di sgomberare la zona”. La stessa rientra nel perimetro del nucleo storico, dove la Città applica misure anti Covid più severe. “Verso le 23.30 una pattuglia è nuovamente intervenuta per far sgomberare lo stesso spiazzo. Di conseguenza le persone si sono ammassate nella zona circostante”.

Per i firmatari della petizione non c'erano motivi sufficienti per imporre a tutti di spostarsi, né per elevare contravvenzioni se qualcuno non si fosse mosso. “L'area è ampia e c'è la possibilità di mantenere le distanze sociali e quindi di rispettare le ordinanze federali anti-Covid. L'occupazione di aree pubbliche non può essere proibita in questo modo. A nostro avviso lo sgombero non era legittimo e quindi va considerato abusivo”. Il promotore ha fatto i calcoli: lo spazio aperto di fronte all'antico maniero è di quasi mille metri quadrati; potenzialmente, quindi, potrebbe ospitare 140 persone con una sufficiente distanza sociale. O, diviso per settori da 15 persone ciascuno, almeno 90.

”La polizia imponendo a tutti, senza distinzioni, di spostarsi non ha fatto altro che trasferire il problema poco più in là, creando assembramenti in altre zone lì vicino. Questo agire genera malcontento e infonde sfiducia verso l’operato dell’autorità”.

La petizione chiede quindi al Municipio, tra le altre cose, “su quale base legale è stato interdetto l'accesso alla zona di fronte al Castello” e se intende, nell’immediato, “rivedere l'applicazione delle misure di contrasto alla diffusione del contagio”.

Alcune risposte, che spiegano l'accaduto, giungono dal Comandante della Polizia cittadina, Dimitri Bossalini, che al telefono ci conferma la volontà di evitare assembramenti. Non si tratta perciò di vietare l'uso del suolo pubblico o di appioppare multe, ma di sensibilizzare i cittadini. È noto che nel centro di Locarno vi siano aree all'interno delle quali confluiscono più persone e dove non è difficile riscontrare degli assembramenti. Un fenomeno da evitare nel modo più assoluto, perché favorisce l'aumento dei contagi. Insomma, nessuno ha mai posato transenne per chiudere l'accesso alle zone più gettonate, ma si tratta piuttosto di richiamare le persone alla responsabilità per preservare la salute della collettività.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castello locarno municipio petizione polizia sgombero
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
48 min
Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino
Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
6 ore
Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi
La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
6 ore
‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’
L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Bellinzonese
13 ore
Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita
È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Locarnese
16 ore
Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’
Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Bellinzonese
17 ore
Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona
La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
17 ore
‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’
Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
18 ore
Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso
Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore
Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano
In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
Luganese
18 ore
Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’
Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni
© Regiopress, All rights reserved