laRegione
07.04.21 - 10:57
Aggiornamento: 15:13

Locarno, scelto il nuovo volto del centro

Per la risistemazione di Piazza Grande e Largo Zorzi il Municipio ha selezionato il progetto Nouvelle belle époque

locarno-scelto-il-nuovo-volto-del-centro

Locarno avrà una ‘Nouvelle belle époque’: questo il progetto vincitore del concorso per la risistemazione dello spazio pubblico tra il Debarcadero e la rotonda di Piazza Castello, con una superficie di oltre 43mila metri quadrati. Nella sua ultima seduta, il Municipio ha confermato la raccomandazione della giuria di scegliere il progetto della comunità di lavoro Studio WE architetti, Pool Architekten, Guscetti studio d’architettura e Rotzler.Land e Linea landscape architecture.

A convincere giuria e Municipio, si legge in un comunicato stampa del Municipio, il concetto generale particolarmente chiaro nella definizione delle varie parti della città coinvolte nell’area di concorso. Sono state apprezzate in generale la solidità e la semplicità dell’idea di fondo del fronte unitario su Largo Zorzi, con la possibilità di uno sviluppo a tappe del progetto, senza perdere di vista il concetto spaziale iniziale. La sensibilità nel trattare l’esistente si ritrova pure nella maniera in cui sono le altre parti della città. Da punto di vista dei costi, elemento che rientrava tra i criteri di valutazione delle proposte, il progetto vincitore si situa sotto la media per ciò che concerne le opere di sistemazione esterna.

Tutti i progetti saranno visionabili dal pubblico presso la sala al terzo piano del Palacinema, a partire dal prossimo 12 aprile per due settimane. Il sindaco e presidente della giuria Alain Scherrer ha notato che «i cittadini di Locarno sono molto legati a questi luoghi ed era quindi importante operare con la giusta sensibilità per ottenere un risultato di qualità. Personalmente sono molto soddisfatto della nostra scelta».

Per l’allestimento del progetto di concorso, lo scorso anno la giuria aveva selezionato 15 nominativi (singoli architetti o comunità di lavoro) tra le oltre 40 candidature pervenute, provenienti dalla Svizzera e dalle nazioni confinanti. I progetti ammessi al giudizio sono stati infine 12, numero che ha permesso alla giuria di valutare differenti ipotesi d’intervento, per giungere poi alla sua decisione.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
3 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
7 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
13 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
23 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
23 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved