laRegione
locarno-terreno-da-agricolo-ad-alberghiero
Campi coltivati e suite di lusso (Ti-Press)
31.03.21 - 17:00

Locarno, terreno da agricolo ad alberghiero

Dopo Ascona, anche la Città dovrà affrontare la questione relativa al Castello del Sole. Ma ci sarà una compensazione reale

Attraversa la Maggia la variante pianificatoria per l’istituzione di una “Zona a destinazione vincolata” con contenuti alberghieri, per il Castello del Sole. Il Comune di Ascona, per la sua parte, l'ha già approvata; ora tocca alla Città di Locarno, che ha territori anche sulla sponda destra del delta. Il Municipio sottoporrà presto la questione al Consiglio comunale.

Il celebre albergo cinque stelle nel corso degli scorsi decenni ha investito milioni per realizzare nuove strutture e per mantenersi al passo con i tempi. Oggi è uno degli hotel più rinomati della Svizzera. Il problema, indica il Municipio, sta nel fatto che lo stesso si trova a cavallo del confine tra due Comuni, ma soprattutto è immerso in una zona in gran parte agricola. Proprio questo ultimo fattore impone scelte pianificatorie, che regolarizzino la situazione esistente e che permettano al Castello del Sole ulteriori sviluppi: in particolare pensando all'aggiunta di contenuti culturali, congressuali e paramedici, in collegamento con la funzione alberghiera. Pure prevista la creazione di una via d'accesso unica per l'hotel e per l'azienda agricola Terreni alla Maggia, proprietaria del comparto.

Va da sé che questa strategia sottrae (e in parte lo ha già fatto) terreni all'agricoltura. Una questione non di poco conto e che andrà compensata. Si parla di circa settemila metri quadrati e vi dovrà essere una compensazione pecuniaria per una spesa che, per la parte di Locarno, ammonta a circa mezzo milione di franchi. Tale cifra, tramite uno specifico accordo, sarà riversata alla Città dalla Terreni alla Maggia.

Una gran parte della perdita di area agricola per Locarno in futuro sarà però compensata realmente: un sedime oggi destinato a scopi turistici-alberghieri sarà infatti convertito in terreno agricolo, ma per arrivare a ciò bisognerà attendere una specifica variante di Piano regolatore. A quel momento la parte di compenso pecuniario si ridurrà a neppure duemila franchi. 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castello del sole locarno terreno agricolo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved