laRegione
apologia-dei-dittatori-stacchi-espulso-dalla-lega
16.03.21 - 10:14
Aggiornamento: 14:05

Apologia dei dittatori, Stacchi espulso dalla Lega

Il candidato al Consiglio comunale di Locarno ha difeso in un “post” Hitler, Mussolini e Stalin. Il movimento: “Parole vergognose, un'offesa per i cittadini”

Presa di distanza “categorica” ed “espulsione con effetto immediato” dalla lista della Lega dei Ticinesi.

È la reazione della sezione della Lega di Locarno alle affermazioni apologiche del candidato Luca Stacchi, che su Facebook ha inneggiato a Hitler, Stalin e Mussolini con queste parole: “Nella seconda guerra mondiale, c'erano 3 dittatori con dei valori verso al popolo sovrano, Stalin, Mussolini, Adolf, questi personaggi al loro popolo non hanno mai lasciato mancar niente, sì con razioni di guerra però tutti mangiavano”.

Quanto basta affinché Lega dei Ticinesi-Udc/Svp-Indipendenti di Locarno si distanzino ”in modo categorico” dalle affermazioni poste sui social del proprio candidato Luca Stacchi. La lista “si presenta con un programma d’azione comune sottoscritto da tutti i rappresentanti del nostro gruppo politico – si legge in una nota –. Pur mantenendo ognuno la propria vocazione, l’azione comune mira a contribuire allo sviluppo della città orientata al futuro, dove tutti i cittadini si sentono parte attiva nell’affrontare nuove sfide a favore di una Locarno pronta a valorizzare il proprio territorio e la propria immagine”.

Quelle di Stacchi sono parole “vergognose” e “rappresentano un'offesa nei confronti di tutti questi cittadini! Il candidato viene espulso dalla nostra lista e dalla Lega dei Ticinesi con effetto immediato”.

Tecnicamente parlando, Stacchi potrà continuare la sua campagna elettorale, rimarrà sulla lista e potrà essere eletto, «ma qualora lo fosse, poi non lo accetteremmo come consigliere comunale leghista», ha precisato il coordinatore della Lega a Locarno, Bruno Buzzini.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
candidato dittatori espulso hitler lega locarno mussolini stacchi stalin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
8 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
9 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
9 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
10 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
10 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
10 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
10 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
10 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
12 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
© Regiopress, All rights reserved